Una cornice di pubblico straordinaria per la finalissima al “Limbara” di Luras. In mattinata l’aperitivo a palazzo Perantoni

E’ la Fiorentina di mister Giovanni Vitali la squadra che incide il proprio nome nell’albo della 21esima edizione del Torneo mondiale “Manlio Selis”, la rassegna di calcio giovanile under 13 più importante e rappresentativa d’Italia per la categoria e divenuto punto di riferimento delle principali società italiane ed estere.

Il prezioso trofeo di ceramica Cerasarda, che mostra le insegne del Torneo e del main sponsor della manifestazione, Le coq sportif, è stato conquistato dai viola toscani al termine della finale vinta 2-0 sul Milan del tecnico Bertuzzo.

Dopo le qualificazioni, ottavi, quarti e semifinali giocate nei campi di Olbia, Posada, Siniscola e San Teodoro, lo stadio “Limbara” di Luras ha accolto l’ultimo atto e un pubblico caloroso e coloratissimo ha fatto da cornice straordinaria  ad una gara combattuta per un tempo e decisa nel secondo dai gol di Lorenzo Gori e Cedric Koffi. Solo due dei tanti talenti della squadra toscana che per arrivare al traguardo ha superato senza fatica le qualificazioni per poi incontrare agli ottavi il Deportivo La Coruna, sconfitto di misura per 2-1, unico gol subito nel torneo, e ai quarti il Chelsea, travolto da un 5-0. In semifinale i viola hanno sconfitto la Juventus 3-0.

A questo link la dedica speciale del gruppo viola di mister Vitali dopo la vittoria del 21° Torneo mondiale “Manlio Selis”.  Sull’ official web radio del Torneo tutte le interviste realizzati durante i giorni della competizione.

La finale è stata diretta dal gruppo arbitrale giunto dalla sezione AIA di Olbia e guidato dall’arbitro calangianese Giua, premiato al termine dell’incontro.

Così in campo le due formazioni:

Milan: Sonzogni, Previtali, Incorvaia, Veglia, Di Palma, Marrone, Foglio, Cuscietti, Ivan, Pluvio, Bovi. A disp: Nava, Monelli, Bozzolan, Colombara, Bonacina, Montalbano. All: Bertuzzo

Fiorentina: Manzari, Macchi, Biagetti, Cellai, Aprili, Amatucci, Nardi, Mesini, Gori, Giulianelli, Costantini, Koffi. A disp: Bertini, Cellai, Piazza, Nizzoli, Atzeni, Gori, Vigiani. All. Vitale

Al termine della finalissima hanno sfilato sul campo tutte le 40  società e sono stati consegnati i premi speciali:

Migliore giocatore – Costantini –  Fiorentina.

Capocannoniere  – Ivan – Milan

Coppa Fair Play – Kashima Antlers – Giappone

Miglior portiere –  Manzari – Fiorentina

Miglior portiere dil. – Marino – Buon Pastore Palermo

Miglior difensore prof. – Pergolesi – Atalanta

Miglior difensore dil. – Spirito – Tor Tre Teste

Miglior centrocampista prof.  – Hasa – Juventus

Miglior centrocampista dil. – Carboni – Latte Dolce

Miglior allenatore prof. – Lantieri – Cagliari

Miglior allenatore dil. – Borsotti – Tau Calcio Altopascio

Ma non è stata solo una giornata di calcio e di divertimento sul campo e sugli spalti. In mattinata i delegati delle 40 società sono stati accolti dall’amministrazione di Luras, con in testa il sindaco Marisa Careddu, all’interno dello storico palazzo Perantoni, recentemente restaurato e restituito alla comunità. Nel cortile interno è stato allestito un pranzo a base di prodotti tipici, salumi e formaggi del territorio, zuppa gallurese, porcetto e seadas.

Un’occasione straordinaria di incontro e di scoperta delle tradizioni sarde soprattutto per i dirigenti delle 6 società straniere del Selis edizione 2017: gli svedesi del Malmo, i russi del Chertanovo Mosca, gli inglesi del Chelsea, gli spagnoli del Deportivo La Coruna, I nord Irlandesi della Rappresentativa Nazionale Irish Football Association e i giapponesi del Kashima Antlers.

La 21esima edizione del Selis va in archivio con un riscontro straordinario di pubblico e di contatti sui social, con le gare seguitissime da tutta Italia e dall’estero.