Comunicati Stampa

Il Real Madrid trionfa al 22° Torneo mondiale Manlio Selis

Un trionfo annunciato quello del Real Madrid, formazione galattica che anche nella sua versione under 13 ha confermato il trend di successi in campo internazionale. Contro la Lazio non c’è stata gara. Un 4- 0 netto che ha incantato il numerosissimo pubblico presente al comunale di San Teodoro.

Giocate di prima, possesso palla, tecnica e fantasia tra i piedi di questi ragazzi che hanno dato spettacolo durante la quattro giorni  di sport e divertimento che ha avuto la sua conclusione al comunale di san teodoro

I premiati della 22esima edizione

Miglior allenatore dilettante Claudio Marchese- (Tor Tre Teste Roma)

Miglior portiere dilettante – Matteo Carta (San Teodoro)

Miglior portiere prof – Oliver Camis (Chelsea)

Miglior difensore dilettante – Ulderico Salvati (F6 SALERNO)

Difensore prof Andrea Coati (Atalanta)

Centrocampista dilettante Lorenzo Zuddas (Quartu Sant’Elena)

Centorcmapista prof Mattia Rutigliano (Juventus)

Capocannoniere Iker Gil Lopez (Real Madrid )

Premio fair play (Città di Trapani)

Terze classificate ex equo Atalanta e Torino

Seoconda Lazio

Prima Real Madrid

miglior giocatore del torneo – Ramon Naveros (Real Madrid )

Categorie: Comunicati Stampa||

I gironi Torneo Mondiale “Manlio Selis” 2018

I gironi della 22esima edizione del Torneo Mondiale “Manlio Selis”.

Categorie: Comunicati Stampa||

Video Spot 22° Torneo Mondiale Manlio Selis

Let’s dream together!

Il video spot della 22esima edizione del Torneo Mondiale “Manlio Selis”.

Categorie: Comunicati Stampa||

22nd World Tournament “Manlio Selis” Le Coq Sportif Cup   

E’ stata presentata a Golfo Aranci  la 22esima edizione del torneo mondiale di calcio under 13 più importante d’Italia  (30 maggio/2 giugno 2018).

Svelata la sede della finale del 2 giugno: San Teodoro

 

Una presentazione fronte mare, in diretta streaming. Anche questa è una tradizione irrinunciabile del Torneo “Manlio Selis”.

Negli spazi all’aperto dell’Hotel Gabbiano Azzurro di Golfo Aranci è andato in scena il primo atto della 22esima edizione del torneo mondiale di calcio under 13 più importante d’Italia  che prenderà il via il 30 maggio per concludersi il 2 giugno.

“Ogni anno devo ringraziare tutti per essere riuscito ad allestire una nuova edizione – ha esordito il patron Enea Selis – e ogni anno cerco di far salire il livello della competitività per rendere il Torneo sempre più bello per i nostri giovani atleti. Abbiamo aumentato il numero delle squadre e ci sono 18 realtà professionistiche italiane e straniere che non vedono l’ora di contendersi il titolo. E poi ci sono le 30 formazioni dilettantistiche che hanno il sogno di battere i coetanei di top club europei, o magari anche solo giocarci contro e imparare dal confronto.

Sarà un’edizione bellissima e speriamo di avere sempre tanto pubblico a seguire le gare su tutti i nostri campi. Noi faremo il massimo per rendere questa esperienza indimenticabile per tutti”

 

LA FINALE

Dopo il successo della scorsa edizione a Luras il Torneo Selis cambia location e si prepara a vivere un’altra giornata di emozioni come solo la finalissima riesce a regalare, con tutte le 48 squadre presenti a far tifo e le premiazioni finali a rendere merito ai migliori giocatori di tutto il torneo, suddivisi per reparto, al miglior goleador  e alle squadre che hanno raggiunto l’ultimo atto, vincitori e vinti.

A svelare il luogo della finale è stato il sindaco di San Teodoro Domenico Mannironi: “Siamo felicissimi di annunciare che la finale del 22° Torneo mondiale “Manlio Selis” si terrà  il 2 giugno alle ore 17 al comunale di San Teodoro. Lo scorso anno abbiamo avuto il piacere di ospitare tre squadre del torneo e dopo lo scambio dei doni e una finale vissuta intensamente a Luras abbiamo deciso che avremmo fatto di tutto per portare questo evento da noi. Ringrazio Enea per questa opportunità che ci riempie d’orgoglio”.

La finale sarà preceduta dal consueto pranzo riservato ai dirigenti di tutte le squadre nell’incantevole scenario della peschiera di San Teodoro a ridosso della spiaggia La Cinta.

 

LE PRESENTAZIONI

Ad aprire la conferenza di oggi, moderata dalla giornalista Stefania De Michele, le parole dei sindaci e degli assessori dei comuni interessati dal Torneo: l’assessore allo sport Silvana Pinducciu per il comune di Olbia, Matteo Ruiu, delegato allo sport di Posada, Paola Fadda assessore allo sport di Siniscola, il sindaco di San Teodoro Domenico Mannironi, e Mario Mulas, vice sindaco di Golfo Aranci e padrone di casa al posto del sindaco Giuseppe Fasolino, assente per motivi istituzionali: “E’ un grande piacere per noi poter ospitare questo primo importante evento del Torneo – ha ricordato Mulas – e siamo felicissimi di essere inseriti in un contesto di sport e socialità come quello del Selis. Abbiamo visto questo torneo crescere ogni anno ed è un po’ quello che è successo al paese di Golfo Aranci in questi anni in cui abbiamo vissuto un cambiamento radicale della nostra comunità. Questa crescita nel tempo ci accomuna e ci fa vivere questa esperienza con grande emozione”.

Da tutti il coro unanime di sostegno al Selis, evento che promuove i territori in ambito internazionale e che unisce lo sport allo scambio culturale tra giovani atleti per i quali l’esperienza in Sardegna sarà sempre vissuta come un ricordo indelebile.

Così per Paolo Dametto, presente all’incontro odierno, negli ultimi tre anni a Olbia e anche lui un ex del Selis, così come altri predestinati illustri.

Nel corso degli anni, infatti,  sono stati tantissimi i giocatori che poi hanno proseguito brillantemente la propria carriera nei propri club, e non solo, perché alcuni hanno esordito in nazionale. Come  Davide Calabria, al Selis con il Milan nel 2006 (argento e bronzo con la nazionale italiana agli europei under 21) e Lorenzo  Pellegrini, anch’egli protagonista del torneo nello stesso anno ma con la maglia del Milan (anch’egli bronzo nell’under 21 e 3 presenze in azzurro). E’ passato dal Selis di recente, vista l’età, anche Moise Kean, stellina delle giovanili della Juventus classe 2000 oggi in prestito al Verona. Anch’egli nel circuito nazionale, attualmente nell’under 19. Ha giocato al Selis con la maglia della Roma anche il difensore Alessio Romagnoli, oggi punto di forza del Milan. In nazionale ha militato in tutte le categorie.

GLI STADI

Il Comune di Olbia sarà il primo punto di riferimento del Torneo, grazie alle sue tre strutture: lo stadio Bruno Nespoli, lo stadio Angelo Caocci e il campo sportivo Geovillage. Le altre gare dei 12 gironi si svolgeranno al Comunale di San Teodoro, al Comunale di Golfo Aranci, al Comunale di Posada e in quello di Siniscola.

  

I GIRONI

Nel corso della press conference di questa mattina sono stati svelati in video i 12 gironi per le 48 squadre in gara. Il momento più atteso dai dirigenti che hanno così conosciuto gli avversari nelle fasi preliminari.

A lanciare il guanto di sfida è la formazione campione uscente della Fiorentina, che giocheranno sul campo di Siniscola, ma non mancheranno certamente le avversarie in un Torneo che ha superato ogni record per numero di squadre e che ha alzato ulteriormente il livello tecnico con la presenza dei top club come il Real Madrid, presente tramite la maglia di Ronaldo fatta recapitare per l’occasione, inserito nello stesso girone del Cagliari, (che tramite il responsabile settore giovanile Oscar Erriu ha portato la maglia del suo prodotto del vivaio più rappresentativo, Nicolò Barella) mentre l’Olbia Calcio, seconda squadra sarda professionistica impegnata nel Torneo, avrà la possibilità di sfidare la Roma al Nespoli.  A Olbia giocherà anche la Juventus a caccia del suo primo titolo al Selis.

Chi vorrà vedere all’opera il Paris Saint Germain, seconda grande novità internazionale con i blancos,  potrà farlo a San Teodoro. Il Torino è, invece, il big club che giocherà a Golfo Aranci,  mentre la Lazio sarà protagonista a Posada.

 

I PREMIATI

A conclusione della conferenza si sono svolte le premiazioni che ogni anno caratterizzano l’incontro preliminare con i dirigenti di tutte le società dilettantistiche e professionistiche.  Ai premiati delle lampade speciali create appositamente da Cerasarda per il Torneo Selis.

 

Premio dott. “Giuseppe Pinna”

Il riconoscimento premia ogni anno i dirigenti che si sono distinti nell’ambito dei settori giovanili di tutta Italia. In questa 22esima edizione il Premio “dott. G. Pinna”  è andato a Stefano Bonaccorso, responsabile attività di base dell’Atalanta Bergamasca Calcio.

Da lui parole di ringraziamento e anche una panoramica sul lavoro svolto dalla società nell’ambito del vivaio, una grande risorsa per il club e un viatico importante per il futuro.

 

PREMIO COMUNICAZIONE

Un’altra tradizione del Torneo Selis riguarda il premio per la comunicazione che è sempre stato riservato a giornalisti che hanno fatto dell’informazione sportiva il loro ambito d’eccellenza. In questa 22esima edizione il premio è andato ad  Alberto Brandi, direttore di Sport Mediaset e conduttore televisivo di trasmissioni di successo.

Assente per un impegno sopraggiunto in questi giorni Brandi è voluto comunque essere presente in video con un messaggio di auguri al Selis e a ritirare per lui il riconoscimento è tornata nella sua Sardegna un volto notissimo della tv, un’altra giornalista sportiva in questa stagione impegnata nelle trasmissioni dedicate alla Champions League, Eleonora Boi.

 

PREMIO CARRIERA

Il premio alla carriera di questa 22esima edizione è per chi ha saputo fare della propria passione un lavoro e sempre ad altissimi livelli: Salvatore Fresi. Nel suo palmares: un campionato e due supercoppe italiane vinte  con la maglia della Juventus nelle stagioni 2002 e 2003, una coppa Uefa con la maglia dell’Inter nel 97/98. Un campionato europeo con la nazionale under 21 nel ‘96. Oggi dirige un centro sportivo e una scuola calcio per bambini rientrante nell’Inter GrassRoots Program.

 

 

PREMIO SPECIALE “MARIO RUZZU”

Questa 22esima edizione del Torneo Selis così ricca di novità è la prima dopo la scomparsa di un caro amico. Un ragazzo che se ne è andato troppo presto per una malattia che gli ha tolto progressivamente il controllo del suo corpo ma che non l’ha mai abbattuto nello spirito. Ricordiamo il suo sorriso e vogliamo ricordare anche il suo impegno nel mondo del calcio a stretto contatto con i giovani.

E’ stato istituito un premio speciale che andrà ogni anno proprio a chi si dedica allo sport giovanile ed è il premio “Mario Ruzzu” che in questa sua prima edizione  è andato alla società di cui ha fatto parte Mario, la Don Bosco Nulvi.

 

LE SQUADRE

Ecco l’elenco completo delle 48 squadre partecipanti:

Tra le 48 squadre partecipanti al Torneo sono 18 le squadre professionistiche partecipanti:

7 straniere – Real Madrid ( Spagna ), Kashima Antlers (Giappone), F.C. Malmoe (Svezia), F.C. Chelsea (Inghilterra), Paris Saint Germain ( Francia ), Team Ticino (Svizzera), F.C. Chertanovo Mosca (Russia).

11 italiane – Atalanta, Cagliari, Fiorentina, Frosinone, Genoa, Juventus, Roma, Torino, Olbia, Lazio, Reggina 1914.

Sono 30 le dilettantistiche provenienti da 7 regioni italiane:

Liguria (Albissola 2010), Sicilia (Città di Trapani Calcio), Campania (F6 Salerno)Lazio (Grifone Monteverde, Nuova Tor Tre Teste), Piemonte (Lucento Torino, Città di Cossato Biella) Toscana (Tau Calcio Altopascio, Jolly Montemurlo e Maliseti Prato), Sardegna (Catalunya Mercede Alghero, Ferrini Cagliari, S.C. Gigi Riva Cagliari, Santos Cagliari, G.S.D. Assemini, S.C.  San Francesco Quartu, G.S.  San Paolo Cagliari, G.S.  La Palma Monte Urpinu, Accademia Ogliastra, Academy Latte Dolce  Sassari, Marzio Lepri Sassari, SG Nuorese, G.S.  San Paolo Sassari, Cus Sassari, Progetto Siniscola, Sant’Elena QuartuPorto Rotondo, Sigma Cagliari, Pol. Don Bosco Nulvi, San Teodoro ).

 

LE COQ SPORTIF MAIN SPONSOR

Anche per questa edizione il Torneo Selis potrà contare sulla collaborazione con la prestigiosa azienda francese Le Coq Sportif, marchio storico dell’abbigliamento sportivo conosciuto in tutto il mondo.

A rappresentare il brand è arrivato nell’isola il responsabile marketing in Italia Stefano Longo che ha sottolineato come  ormai da anni, Le Coq Sportif sia legato alla rassegna calcistica riconoscendone i valori in termini di correttezza, lealtà, fair play promossi anche dalla campagna Uefa e sostenuta al Selis: “Say no to racism”

 

 

GIULIA BARDANZELLU

Responsabile comunicazione / Press office

22nd World Tournament “Manlio Selis” Le Coq Sportif Cup

Categorie: Comunicati Stampa||

22nd World Tournament “Manlio Selis” Le Coq Sportif Cup. Press conference

22nd World Tournament “Manlio Selis” Le Coq Sportif Cup   

Il  torneo mondiale di calcio under 13 più importante d’Italia  (30 maggio/2 giugno 2018) sarà presentato il prossimo 7 maggio a Golfo Aranci. 

Paris Saint Germain e Real Madrid le novità internazionali

 

Una ricchissima edizione del Torneo mondiale “Manlio Selis”, un nuovo capitolo di una storia di calcio e amicizia iniziata 22 anni fa.

Dal 30 maggio al 2 giugno 2018 le formazioni under 13 delle più importanti società professionistiche italiane ed estere e le realtà dilettantistiche di tutto il territorio italiano faranno tappa nell’isola per partecipare ad un evento che richiama ogni anno migliaia di visitatori e addetti ai lavori.

Da semplice Torneo di calcio giovanile organizzato nel 1997 in memoria di “Manlio Selis”, conosciutissimo sportivo non solo in Gallura, con il passare degli anni la manifestazione, cresciuta per quantità e qualità delle squadre partecipanti, è divenuta la più importante rassegna in Italia e tra le prime tre in Europa per la categoria Esordienti  ottenendo l’egida di Coni, Figc, Uefa e Fifa.

LA CONFERENZA STAMPA

La 22esima edizione del “Manlio Selis” – Le Coq Sportif Cup sarà presentata lunedì 7 maggio 2018, alle 10:30, a Golfo Aranci, sul rinnovato e suggestivo lungomare, lì dove ogni giorno affiora dalle acque la statua bronzea raffigurante una sirena, opera dello sculture Pietro Longu di Bortigali. Una location da sogno per un momento molto atteso.

Durante la conferenza, a cui parteciperanno le delegazioni di tutte le squadre, saranno svelati  i 12 gironi che comporranno la griglia di partenza della competizione.  La Conferenza sarà trasmessa in diretta streaming sulla pagina facebook del Torneo Selis.

LE PREMIAZIONI

Tratto distintivo della Conferenza stampa che ogni anno apre il Torneo Selis sono le premiazioni a personalità del mondo dello sport che si sono distinte nella scorsa stagione.

Il premio” Dott. Giuseppe Pinna” andrà al responsabile del settore giovanile dell’Atalanta  Stefano Bonaccorso.

Tra gli operatori dell’ambito comunicazione sarà premiato il giornalista Alberto Brandi, attuale direttore di Sport Mediaset e Mediaset Premium , conduttore di tantissime trasmissioni di successo, come Controcampo e Guida al Campionato.

Top secret il nome del destinatario del Premio alla carriera  che ogni anno è riservato a personalità illustri del calcio italiano e internazionale.

LE SQUADRE

Le novità rispetto alla scorsa edizione è rappresentata dalla presenza di due tra le realtà calcistiche più importanti del calcio europeo: Paris Saint Germain e Real Madrid, squadre che si sono affrontate recentemente in una spettacolare sfida di Champions League.  Il ricco parterre sarà arricchito dalle società italiane di serie A che anno dopo anno confermano la propria presenza (Juventus, Torino, Genoa, Atalanta, Cagliari,  i campioni uscenti della Fiorentina) a cui si aggiungono in questa straordinaria edizione anche le due società della capitale: Lazio e Roma. Tra le formazioni in lizza per entrare nell’albo d’oro ci sarà, per la seconda volta, il Kashima Antlers, squadra proveniente dal Giappone.

Ecco l’elenco completo:

Tra le 48 squadre partecipanti al Torneo sono 18 le squadre professionistiche partecipanti:

7 straniere – Real Madrid ( Spagna ), Kashima Antlers (Giappone), F.C. Malmoe (Svezia), F.C. Chelsea (Inghilterra), Paris Saint Germain ( Francia ), Team Ticino (Svizzera), F.C. Chertanovo Mosca (Russia).

11 italiane – Atalanta, Cagliari, Fiorentina, Frosinone, Genoa, Juventus, Roma, Torino, Olbia, Lazio, Reggina 1914.

Sono 30 le dilettantistiche provenienti da 7 regioni italiane:

Liguria (Albissola 2010), Sicilia (Città di Trapani Calcio), Campania (F6 Salerno)Lazio (Grifone Monteverde, Nuova Tor Tre Teste), Piemonte (Lucento Torino, Città di Cossato Biella) Toscana (Tau Calcio Altopascio, Jolly Montemurlo e Maliseti Prato), Sardegna (Catalunya Mercede Alghero, Ferrini Cagliari, S.C. Gigi Riva Cagliari, Santos Cagliari, G.S.D. Assemini, S.C.  San Francesco Quartu, G.S.  San Paolo Cagliari, G.S.  La Palma Monte Urpinu, Accademia Ogliastra, Academy Latte Dolce  Sassari, Marzio Lepri Sassari, SG Nuorese, G.S.  San Paolo Sassari, Cus Sassari, Progetto Siniscola, Sant’Elena QuartuPorto Rotondo, Sigma Cagliari, Pol. Don Bosco Nulvi, San Teodoro ).

GLI STADI

Il Comune di Olbia sarà il primo punto di riferimento del Torneo, grazie alle sue tre strutture: lo stadio Bruno Nespoli, lo stadio Angelo Caocci e il campo sportivo Geovillage. Le altre gare dei 12 gironi si svolgeranno al Comunale di San Teodoro, al Comunale di Golfo Aranci, al Comunale di Posada e in quello di Siniscola.

L’OSPITALITÀ

Anche in questa 22^ edizione il “Torneo Selis” offre l’opportunità di mettere in moto  una grandiosa macchina dell’ospitalità, nel periodo di bassa stagione, grazie ai professionisti che operano in tutti i settori, al servizio di questa vetrina del calcio e dello sport giovanile.  Centinaia di ragazzi, migliaia di fruitori di calcio, semplicemente curiosi. Ognuno di loro porterà nel cuore il ricordo dei luoghi in cui si svolge la manifestazione. Le strutture ricettive convenzionate che ospitano il Torneo Selis: Geo Village e Hotel Alessandro (Olbia) Hotel Castello (Golfo Aranci) – Hotel Sandalyon, Hotel Esagono, Hotel Onda Marina  (San Teodoro) Hotel Donatella  e  Hotel Village Fior di Sardegna (Posada) Hotel Ristorante L’Aragosta e  Hotel Cala della Torre  (Siniscola).  A questi si aggiungono i numerosi B&B e le tantissime seconde case interessate dall’evento pronti ad accogliere le centinaia di famiglie degli atleti.

PATROCINIO

Anche per questa edizione sono stati tanti gli enti istituzionali che hanno voluto affiancare la manifestazione. Primo fra tutti la Regione Sardegna, che ha riconosciuto l’importanza del Torneo Selis non solo in funzione prettamente sportiva ma anche di ricaduta in termine di immagine e di promozione del territorio,  vista la consolidata grande visibilità in Italia e all’estero. Come sempre il Torneo è supportato dalla FIGC Sardegna che con il presidente Gianni Cadoni da sempre affianca l’evento ritenuto terreno di confronto straordinario per i giovani calciatori delle realtà calcistiche isolane.

MEDIA PARTNER

Questa edizione già  ricca di novità si impreziosisce grazie alla partnership avviata con La Nuova Sardegna il più diffuso quotidiano del nord  dell’isola, fondato a Sassari nel 1891 e oggi diretto da Antonio La Rosa (Secolo XIX e Gazzetta dello Sport). Il giornale (dal 1980  parte del Gruppo Editoriale L’Espresso e dal 1° dicembre 2016 gestito dalla DBInformation Spa) sarà il punto di riferimento giornaliero per il racconto del Torneo Selis grazie alla cura costante della redazione sportiva diretta da Antonio Ledà D’Ittiri e agli inviati che ci faranno visita per parlare con i ragazzi e raccontare le loro storie.

DIRETTA STREAMING E RADIO

Ogni sera saremo in onda live dal GEO VILLAGE di Olbia con una puntata del nostro talk show con allenatori, dirigenti e ragazzi delle squadre partecipanti per fare il punto della manifestazione.

La finalissima sarà trasmessa in diretta con la telecronaca di Vittorio Sanna, noto volto sportivo della tv regionale Videolina.

Tutto il giorno e tutti i giorni i giovani protagonisti della 22esima edizione si si potranno raccontare anche sulla web radio ufficiale “Torneo Manlio Selis”. Tutti i contenuti saranno condivisibili sui social.

LA GIOVANE ITALIA

Tra le novità di questa edizione c’è anche la collaborazione con La Giovane Italia,  il progetto del giornalista di Sky Sport Paolo Ghisoni e del suo gruppo di lavoro che fotografa la situazione dei nuovi talenti del nostro calcio. Non solo un almanacco ma tutta una serie di iniziative che hanno come motore propulsore i settori giovanili italiani maschili e femminili. Quale migliore occasione se non il Selis? Le migliori società del panorama italiano che si confrontano con le stelle del firmamento mondiale sono il palcoscenico ideale per avviare una collaborazione fruttuosa con chi di calcio under di casa nostra se ne intende davvero.

LE COQ SPORTIF MAIN SPONSOR

Anche per questa edizione il Torneo Selis potrà contare sulla collaborazione con la prestigiosa azienda francese Le Coq Sportif, marchio storico dell’abbigliamento sportivo conosciuto in tutto il mondo che, ormai da anni, si è legato alla rassegna calcistica riconoscendone i valori in termini di correttezza, lealtà, fair play sottolineati anche dalla campagna promossa dalla Uefa e sostenuta al Selis: “Say no to racism”.

 

QUALCHE NUMERO

4 giorni di gare, circa 1000 atleti di 12 e 13 anni, 250 persone di staff, tra allenatori, dirigenti, fisioterapisti, medici, 90 gare, 40 direttori di gara, di cui uno Can A designato a dirigere la finalissima del 2 Giugno, 7 stadi, 30 tra Resort, Hotel e B/B. 15 voli aerei e 10 passaggi navali, 20 bus, 7 responsabili di campo, 8 interpreti, 3 responsabili dei trasporti, 18 tutor riservati alle società professioniste, 2 supervisor della manifestazione, 2 collaboratori della sala stampa, grafici e tecnici informatici coordinati da un addetto stampa responsabile della comunicazione, web e social, 6 testate della carta stampata accreditate,  TV Internazionale (Real Madrid TV), Nazionali,  Regionali, 2 Web TV, diretta streaming della conferenza stampa e della finalissima sul sito della manifestazione e sui social network dedicati. Un main Sponsor di caratura mondiale, un’azienda leader dell’abbigliamento sportivo e dello sportwear che vestirà le 100 persone che a vario titolo collaboreranno all’evento. Un pranzo di gala, rigorosamente “sardo”, a far da preludio alla gara che assegnerà l’ambito trofeo, realizzato a mano, per l’occasione, da Cerasarda, azienda sarda leader mondiale del settore della ceramica.

IL SELIS SI FA SOCIAL. Anno dopo anno il Torneo cresce e si amplia il numero di spettatori che partecipano alle ricchissime giornate di gare ma non dimentichiamo anche la grande opportunità offerta dai mezzi di comunicazione. Il sito internet torneoselis.it è divenuto punto di riferimento per lo straordinario numero di accessi  e da questa edizione sono state avviate nuove piattaforme come la Web radio Torneo Manlio Selis che consentirà di ascoltare le voci dei protagonisti, con interviste in tempo reale, e la pagina YouTube che accoglie già i video realizzati per questa edizione.

Facebook, Twitter e Instagram saranno le piattaforme utilizzate per dialogare con chi seguirà l’evento e potrà partecipare alle tante iniziative in programma tra cui il contest fotografico #Im@theSelis che premierà i migliori scatti relativi a sport,  relax, divertimento e voglia di stare insieme durante le giornate del Torneo.

LA FINALE

Top Secret! Dopo il successo della scorsa edizione a Luras il Torneo Selis cambia location e si prepara a vivere un’altra giornata di emozioni come solo la finalissima riesce a regalare, con tutte le 48 squadre presenti a far tifo e le premiazioni finali a rendere merito ai migliori giocatori di tutto il torneo, suddivisi per reparto, al miglior goleador  e alle squadre che hanno raggiunto l’ultimo atto, vincitori e vinti.

 

Dicono di noi (pagina Facebook Torneo Selis)

«Una delle vetrine più importanti a livello giovanile del panorama calcistico Italiano con squadre di spessore tecnico garantito , complimenti agli organizzatori che rendono il Torneo di anno in anno più competitivo»

«Io ci sarò pronto a vincere uno dei tornei più importanti d’Europa».

«Una esperienza da sogno x tutti quei ragazzi che vi parteciperanno impensabile fino a qualche decennio fa. Bravi organizzatori e dirigenti di società».

«Ottima l’organizzazione, formata da persone competenti, che da sempre fanno del calcio una filosofia di vita. Una grande vetrina per i giovani calciatori, un bellissimo evento dove sport e aggregazione sociale si fondono regalando emozioni che, di sicuro, ogni piccolo atleta porterà sempre nel cuore».

Categorie: Comunicati Stampa||

Il 22° World Tournament “Manlio Selis” sarà presentato a Golfo Aranci. Il sogno comincia!

 

La 22esima edizione del “Manlio Selis” – le coq sportif Cup sarà presentata lunedì 7 maggio 2018, alle 10:30, sul rinnovato e suggestivo lungomare di Golfo Aranci, lì dove ogni giorno affiora dalle acque la statua bronzea raffigurante una sirena, opera dello sculture Pietro Longu di Bortigali.

Una location da sogno per un momento molto atteso, il primo importante evento che apre l’edizione 2018 della più importante manifestazione di calcio giovanile categoria under 13 in Italia e fra le prime in Europa.

Perché Golfo Aranci? Perché è uno degli esempi di come si possa cambiare, crescere, migliorare e stupire partendo da ciò che si ha e lavorando in prospettiva. Esattamente come è accaduto al Torneo Selis in questi anni. Un percorso fatto di lavoro costante per un paese di oltre 2500 abitanti che ha conosciuto una crescita esponenziale sul fronte turistico. Tutela del paesaggio,  turismo sostenibile, eventi e progetti tutto l’anno.  Così si è valorizzato questo territorio, prima solo luogo di passaggio grazie al porto, oggi  divenuto una meta di richiamo internazionale.

Sarà la prima volta al Selis per il comune gallurese, prima con la presentazione e poi con le gare che saranno ospitate nella struttura sportiva del paese.

I GIRONI. Durante la conferenza, a cui parteciperanno le delegazioni di tutte le 48 squadre al via,  saranno svelati  i 12 gironi che comporranno la griglia di partenza della competizione. Un momento emozionante, che sarà vissuto live grazie alla nostra diretta streaming, soprattutto per coloro che abbiamo definito le nostre Selis Stars, i nostri giovani calciatori.

Squadre professionistiche, italiane ed estere, e formazioni dilettantistiche provenienti da ogni parte dell’isola e da tutta Italia scopriranno con chi dovranno confrontarsi nella fase a gironi. Per loro l’opportunità di sfidarsi sul campo senza limitazioni dovute al peso calcistico delle proprie realtà di provenienza o al blasone di ciascun club.

LE PREMIAZIONI. Durante la mattinata  si alterneranno anche le premiazioni a personalità del mondo dello sport che si sono distinte nella scorsa stagione. Nei prossimi giorni vi sveleremo i loro nomi.

Un grazie al Comune di Golfo Aranci e al suo sindaco Giuseppe Fasolino per aver scelto di affiancare il Torneo mondiale “Manlio Selis”.

Il sogno comincia!

Categorie: Comunicati Stampa||

Ci sarà anche La Giovane Italia alla 22^ edizione del Torneo “Manlio Selis”

Dal 2011 il progetto del giornalista di Sky Sport Paolo Ghisoni e del suo gruppo di lavoro La Giovane Italia fotografa la situazione dei nuovi talenti del nostro calcio. Non solo un almanacco ma tutta una serie di iniziative che hanno come motore propulsore i settori giovanili italiani maschili e femminili.
Quale migliore occasione se non il Selis? Le migliori società del panorama italiano che si confrontano con le stelle del firmamento mondiale sono il palcoscenico ideale per avviare una collaborazione fruttuosa con chi di calcio under di casa nostra se ne intende davvero. L’edizione 2018 del Torneo Selis ospiterà l’importante progetto grazie al supporto di Paolo Ghisoni che per la prima volta sarà accanto a noi per vedere dal vivo in azione le nostre stelle: «La Giovane Italia è ora a tutti gli effetti un brand, creato in 7 anni di lavoro che alla gente sarda non potrebbe non piacere. Perche c’e’ un indirizzo comune. La caparbietà. Dalla presentazione nei club ai reportage sul sito, dai tornei LGI IN CAMPO all’Oscar del calcio Under 19. Una serie di di attività collaterali che ci portano ad essere una realtà unica nella valorizzazione dei nostri ragazzi, una sorta di surrogato della attuale Figc.
La Giovane Italia tratta la celebrazione delle storie genuine di ragazzi e ragazze, slegata dai risultati: «Purtroppo nella maggior parte dei casi non vediamo grande e sincero interesse sul mondo del calcio giovanile. Da questo punto di vista ciò che accade nella nazionale maggiore è uno specchio inevitabile della realtà. Per questo ci piace sottolineare le situazioni virtuose, come comportamenru i campo e fuori, come disciplina educativa o scolastica indipendentemente da gol o traguardi. Tutti meritano uguale attenzione. Chi cerca scorciatoie , raccomandazioni o sotterfugi è solo una bugia con le gambe corte. Lo dimostrano i fatti recenti.
Da tre anni a questa parte al Torneo di Gallipoli avete portato avanti un esperimento, di cosa si tratta? «Molto semplice. Abbiamo proposto alle squadre top (Juventus, Roma, Sassuolo, Milan, Inter, Spa, Verona e Genoa) di far gestire il momento della partita direttamente ai ragazzi. L’allenatore, che li ha preparati al meglio, può seguire la squadra in tribuna e lascia ai veri protagonisti del gioco il compito di giocarsi la loro sfida come credono, anche gestendosi la parte di conduzione tecnica. Questa formula si e’ dimostrata vincente soprattutto a livello ambientale. Vi invitiamo a verificare il clima che si crea sugli spalti, con i mister che seguono al fianco dei genitori, le gare dei propri ragazzi. Il sorriso e’ dilagante… “.
Grazie a Paolo Ghisoni e a La Giovane Italia che saranno con noi nell’edizione 2018 del Torneo Mondiale “M. Selis” le coq sportif Cup
Categorie: Comunicati Stampa||

I professionisti del 22° Torneo mondiale “Manlio Selis”

Saranno ben 48 le squadre ai nastri di partenza del 22th World Tournament “Manlio Selis” – Le Coq Sportif Cup, in programma dal 30 maggio al 2 giugno nei comuni che, con la Regione Autonoma della Sardegna, patrocinano l’evento: Olbia, San Teodoro, Golfo Aranci, Siniscola, Posada.

Tra le formazioni in lizza per entrare nell’albo d’oro ci sarà, per la seconda volta, anche una squadra asiatica, proveniente dal Giappone: il Kashima Antlers. Un viaggio lunghissimo per una rassegna di calcio giovanile che, anche per l’edizione 2018, sposta i confini ben oltre il vecchio continente.

Le novità rispetto alla scorsa edizione è rappresentata dalla presenza di due tra le realtà calcistiche più importanti del calcio europeo: Paris Saint Germain e Real Madrid.  Il ricco parterre sarà arricchito dalle società italiane di serie A che anno dopo anno confermano la propria presenza a cui si aggiungono in questa straordinaria edizione, e dopo qualche anno di assenza, anche le due società della capitale: Lazio e Roma.

Ecco l’elenco completo delle 17 squadre in lizza:

7 straniere – Real Madrid ( Spagna ), Kashima Antlers (Giappone), F.C. Malmoe (Svezia), F.C. Chelsea (Inghilterra), Paris Saint Germain ( Francia ), Team Ticino (Svizzera), F.C. Chertanovo Mosca (Russia).

10 italiane – Atalanta, Cagliari, Fiorentina, Frosinone, Genoa, Juventus, Roma, Torino, Olbia Calcio, Lazio.

 

Categorie: Comunicati Stampa||

Le squadre dilettanti del 22° Torneo Mondiale Manlio Selis

Una nuova edizione del Torneo mondiale “Manlio Selis”, un nuovo capitolo di una storia di calcio e amicizia iniziata 21 anni fa.

Dal 30 maggio al 2 giugno 2018 le formazioni under 13 delle più importanti società professionistiche italiane ed estere e le realtà dilettantistiche di tutto il territorio italiano faranno tappa nell’isola per partecipare ad un evento che richiama ogni anno migliaia di visitatori e addetti ai lavori.

Da semplice Torneo di calcio giovanile organizzato nel 1997 in memoria di “Manlio Selis”, conosciutissimo sportivo non solo in Gallura, con il passare degli anni la manifestazione, cresciuta per quantità e qualità delle squadre partecipanti, è divenuta la più importante rassegna in Italia e tra le prime tre in Europa per la categoria Esordienti  ottenendo l’egida di Coni, Figc, Uefa e Fifa.

Saranno ben 48 le squadre ai nastri di partenza del 22th World Tournament “Manlio Selis” – Le Coq Sportif Cup, in programma dal 30 maggio al 2 giugno nei comuni che, con la Regione Autonoma della Sardegna, patrocinano l’evento: Olbia, San Teodoro, Golfo Aranci, Siniscola, Posada.

Vi abbiamo presentato le società professionistiche e ora è il momento delle 31 dilettantistiche provenienti da 7 regioni italiane:

Liguria (Albissola 2010)

Sicilia (Città di Trapani Calcio)

Campania (F6 Salerno)

Lazio (Grifone Monteverde, Nuova Tor Tre Teste)

Piemonte (Lucento Torino, Città di Cossato Biella )

Toscana (Tau Calcio Altopascio, Jolly Montemurlo e Maliseti Tobbianese Prato )

Sardegna (Catalunya Mercede Alghero, Ferrini Cagliari, S.C. Gigi Riva Cagliari, Santos Cagliari, G.S.D. Assemini, S.C.  San Francesco Quartu, G.S.  San Paolo Cagliari, G.S.  La Palma Monte Urpinu, Accademia Ogliastra, Academy Latte Dolce  Sassari, Marzio Lepri Sassari, SG Nuorese, G.S.  San Paolo Sassari, Cus Sassari, Progetto Siniscola, Sant’Elena Quartu,  Star Sport, Porto Rotondo, Sigma Cagliari, Pol. Don Bosco Nulvi, San Teodoro ).

Categorie: Comunicati Stampa||

Selis 2018. Da sempre con noi! Il Genoa C.F.C.

Dai rossoblù ai rossoblù. Lasciamo Cagliari ed andiamo ad abbracciare il club piu’ longevo d’Italia. Pionera ed apripista delle societa’ professioniste al ” Manlio Selis “, ritornano ancora una volta in terra sarda per tentare di arrivare sino in fondo al ” loro ” torneo.
Michele Sbravati ed Alessio Vernazza hanno ridato linfa, se mai ce ne fosse bisogno, ad uno dei settori giovanili piu’ brillanti d’Italia.
Perin, El Shaarawy, Sturaro, Mandragora e solo pochi giorni fa, l’enfant prodige Pietro Pellegri, hanno riportato alla ribalta la Cantera del Grifone. Abbracciamo per l’ennesima volta una maglia mito nel panorama calcistico italiano, abbracciamo persone speciali, cui siamo legati da ricordi indelebili, abbracciamo una squadra, guidata impeccabilmente da quel maestro di Andrea Bianchi, che creera’ parecchi problemi a tutti coloro i quali vorranno salire sul gradino piu’ alto del prestigioso torneo sardo.

22° World Tournament ” Manlio Selis ”

Le Coq Sportif Cup

30 May – 2 June 2018 – Il Genoa C.F.C. c’è!

Categorie: Comunicati Stampa||

Selis 2018. Orgoglio di Sardegna. Il Cagliari c’è

«Ho capito di amare la Sardegna andando nelle case dei pastori e negli ovili. Una volta mi portarono in un paesino, a Seui, in provincia di Nuoro mi pare, e sulla credenza di un’anziana, notai anche una mia foto, tra i santini dei suoi genitori. L’amico che mi accompagnava chiese perché c’era la mia foto e la donna, senza riconoscermi, rispose: “Quello è buono”».

Ripartiamo da un mito, un’icona senza tempo, emblema di una terra orgogliosa e tenace, culla di una squadra di guerrieri con cento anni di storia.
Luigi Riva ha incarnato ed incarna tuttora il mito di una maglia che ancora oggi è lo specchio di un’intera regione.
Nel più prestigioso torneo italiano riservato alla categoria Under 13, nato, cresciuto ed affermatosi in questa magica isola, la partecipazione dei rossoblu è condizione imprescindibile.
Reduci da uno strepitoso ” Manlio Selis ” lo scorso anno, gli eredi di Rombo di Tuono, salgono in Gallura per mostrare alle migliaia di appassionati che seguiranno la manifestazione, i grandi progressi di un settore giovanile in grande crescita.
Mario Beretta ed Oscar Erriu sono i veri artefici di una rivoluzione che già da ora sta dando rigogliosi frutti.
La strada per salire sul gradino più alto del ” Selis ” è ancora lunga ma chiunque voglia aspirare a raggiungerlo, dovrà gioco forza fare i conti con la grinta e la tenacia di 18 guerrieri rossoblu.

22° World Tournament ” Manlio Selis ” Le Coq Sportif Cup
30 May – 2 June 2018 – Il Cagliari calcio c’è !

Categorie: Comunicati Stampa||

Selis 2018. Ci riprova la Dea! L’Atalanta

Siamo alla stretta finale e chiuse ufficialmente le conferme delle 18 società professioniste, andiamo a conoscere le ultime squadre che mancano a chiudere il lotto delle Big partecipanti.
Dall’aeroporto di Madrid, dove eravamo scesi per accogliere con grande entusiasmo i blancos del Real, ripartiamo per Bergamo per presentare, a detta di tutti gli addetti ai lavori e non, la società italiana che può vantare il più florido settore giovanile. Vincitrice del ” Manlio Selis ” nell’edizione 2016, ritorna in Sardegna, con il dichiarato obbiettivo di centrare il secondo successo nella prestigiosa Kermesse giovanile sarda.
Domenghini, Scirea, Savoldi, Donadoni, Morfeo, Tacchinardi, Zenoni, Locatelli, Donati, Pellizzoli, Montolivo, Pazzini, Bonaventura, Zaza, Gabbiadini, Sportiello, Caldara, Conti, Gagliardini, sono nomi di una lista infinita che certifica la bontà di un progetto che non ha eguali in Italia e pochi nel mondo.
In attesa di vedere all’opera, nel più importanti palcoscenici calcistici italiani ed europei, i ragazzi messisi in mostra nelle ultime edizione del Selis, accogliamo con grande orgoglio la società che ha creato e conservato nel tempo un modello di calcio giovanile unico nel suo genere.

22° World Tournament ” Manlio Selis ” Le Coq Sportif Cup

30 May – 2 June 2018 – L’Atalanta c’è !

Categorie: Comunicati Stampa||

Selis 2018. Il club più titolato al mondo. Il Real Madrid

Ci eravamo lasciati a fine anno con la conferma di partecipazione, per il secondo anno consecutivo, dei giapponesi del Kashima Antlers.
Lasciato l’Estremo Oriente, riparte il nostro viaggio virtuale verso le conferme delle ultime società professioniste partecipanti al prossimo ” Manlio Selis “.
Ripartiamo dal Giappone per atterrare nella penisola iberica ed abbracciare la squadra che più di tutte ha lasciato un’impronta indelebile nel panorama calcistico mondiale.
Abbiamo chiara la percezione, che la manifestazione, per la qualità delle squadre partecipanti e per l’organizzazione messa in campo nonostante le grosse difficoltà, in primis logistiche, è tra gli eventi di calcio giovanile, riservati alla categoria Under 13, più importanti d’Europa.
Ma questo non ci esime da esprimere la nostra grande soddisfazione, la nostra grande emozione, il nostro grande orgoglio, per l’ufficialità della partecipazione della società
PIU’ IMPORTANTE AL MONDO, al torneo del prossimo maggio.
Fondata a Madrid il 6 marzo 1902, vanta un Palmares da brividi: a livello nazionale ha conquistato 33 campionati, 19 Coppe di Spagna, una Coppa della Liga, 10 Supercoppe di Spagna e una Coppa Eva Duarte, a livello internazionale ha vinto 12 Coppe dei Campioni/Champions League, 2 Coppe UEFA, 4 Supercoppe UEFA, 3 Coppe Intercontinentali, 3 Coppe del mondo per club e una Coppa Iberoamericana, per un totale di 25 trofei che ne fanno il club più titolato al mondo.
Arriveranno in Sardegna, come si evince dalla lettera di conferma, con i loro cameraman ed i loro giornalisti al seguito, per poter trasmettere sul canale televisivo ufficiale del club, la diretta o la differita delle gare dei loro ragazzi.
Andremo in diretta in un canale televisivo che vanta milioni di telespettatori ogni giorno.
Siamo stati scelti tra migliaia di inviti, provenienti da tutto il mondo, e di questo non possiamo che andar fieri.
Abbiamo una grande responsabilità: la Sardegna per 4 giorni, dal 30 Maggio al 2 Giugno prossimi, sarà la capitale mondiale del calcio giovanile riservato alla categoria Under 13.
Raccogliamo una grande sfida e l’entusiasmo delle tantissime persone che si occupano a vario titolo del ” Manlio Selis “, ci consente di programmare al meglio un evento unico nel suo genere. Come sempre ce la metteremo tutta, lo dobbiamo alle 48 società che ci onorano della loro presenza, alle amministrazioni comunali che credono ciecamente in quello che facciamo, ai nostri partner che investono per promuovere il proprio brand.
Il Torneo ” Manlio Selis “, divenuto Mondiale, per la partecipazione di una formazione asiatica, raddoppia ed accoglie, per la terza volta nel corso della sua storia, i campioni del mondo in carica.

Hala Madrid y Nada Mas

22° World Tournament ” Manlio Selis ” Le Coq Sportif Cup
30 May – 2 June 2018 – Il Real Madrid c’è !

Categorie: Comunicati Stampa||

Selis 2018. Dal Giappone il Kashima Antlers

Lasciati i campioni d’Italia della Juventus, voliamo lontano, molto lontano dall’Italia, ed andiamo ad abbracciare la squadra che in assoluto percorre più chilometri per raggiungere la nostra isola.
Più volte campione di Giappone e lo scorso anno vicecampione del mondo, alle spalle del Real Madrid, vincitrice della Coppa Intercontinentale, ritornano al Torneo Under 13 più importante d’Italia per confermare quanto di buono mostrato nella scorsa edizione. Riaverli con noi per il secondo anno consecutivo è motivo di grande orgoglio, per la possibilità che ci danno di portare il nome del ” Selis ” nel lontano continente asiatico e per l’occasione unica che ci viene concessa di vivere assieme a loro un’esperienza umana senza eguali.
La loro presenza va ben oltre il mero aspetto agonistico, riaccogliamo con gioia questi splendidi ragazzi, con la certezza, allo loro partenza, di esserci arricchiti di grandi valori umani oltrechè sportivi.
E se al ” Manlio Selis ” del prossimo Maggio capitasse di rivivere la gara della Coppa Intercontinentale in chiave Under 13?

22° World Tournament ” Manlio Selis ” Le Coq Sportif Cup
30 May – 2 June 2018 – Il Kashima Antlers c’è !

Categorie: Comunicati Stampa||

Selis 2018. A caccia del successo! La Juventus

Lasciati i campioni di Francia del Paris Saint Germain, rivoliamo in Italia ed atterriamo a Torino, sponda bianconera, per accogliere ancora una volta al ” Manlio Selis ” i Campioni d’Italia. Reduci dalla semifinale, persa il Giugno scorso contro i campioni in carica della Fiorentina, ancora alla ricerca della prima vittoria nel prestigioso torneo sardo, i ragazzini bianconeri, guidati in questa stagione da Giovanni Valenti, tecnico giovane, preparato, di cui si dice un gran bene, cercheranno di sfatare il tabù che vede la ” vecchia signora ” sempre lontana dal gradino più alto del podio.
Al torneo Under 13 più blasonato d’Italia, non poteva mancare ai blocchi di partenza, la società più amata e scudettata dello stivale.

22° World Tournament ” Manlio Selis ” Le Coq Sportif Cup
30 May – 2 June 2018 La Juventus F.C. c’è !

Categorie: Comunicati Stampa||

Selis 2018. La prima volta per le stelle di Francia del Paris Saint-Germain

Lasciamo Roma e voliamo verso una capitale meta di turisti che arrivano da tutto il mondo.
Alla Ville Lumiere ci aspetta la prima squadra francese partecipante al ” Manlio Selis “, non una squadra francese qualsiasi ma la migliore.
Fiore all’occhiello della Qatar Sport Investments, la cassaforte sportiva dell’Emiro del Qatar, Tamim bin Hamad al-Thani, arrivano in Sardegna dove il suo proprietario è da anni di casa, avendo acquistato da tempo buona parte della Costa Smeralda, compresi gli hotel extralusso della Starwood.
La società forse più importante in Europa dal punto di vista finanziario e non solo, vedi gli ultimi acquisti di Neymar e Mbappè, sarà tra le 18 società professionistiche che il prossimo maggio daranno vita al Torneo Under 13 più importante d’ Italia.
E’ facile immaginare che i parigini punteranno al gradino più alto del podio, nonostante la paurosa griglia di partenza che si presenterà al via la prossima primavera, negli stadi di San Teodoro, Olbia, Siniscola, Posada e Golfo Aranci.
E non è finita qui…..

“Ici c’ est Paris”

22° World Tournament ” Manlio Selis ” Le Coq Sportif Cup
30 May – 2 June 2018 – Il Paris Saint Germain c’è !

Categorie: Comunicati Stampa||

Selis 2018. L’aquila è tornata! la Lazio

Lasciamo la Russia e riprendiamo il cammino verso l’Italia.
Ci aspetta un volo Mosca – Roma, per andare ad accogliere una società che tanto bene sta facendo in questi ultimi anni.
Una sola partecipazione al ” Manlio Selis ” nel 2013 e tanta voglia di ben figurare, al cospetto del Gotha del calcio giovanile europeo e dei cugini della Roma.
Guidati in maniera magistrale dal nuovo responsabile del settore giovanile Mauro Bianchessi, una vita al Milan, scopritore tra gli altri di Donnarumma e Locatelli, sbarcano in Sardegna per poter dire la loro nel torneo Under 13 più importante d’Italia.
L’aquila è tornata.

22° World Tournament ” Manlio Selis ” Le Coq Sportif Cup
30 May – 2 June 2018 – La Lazio S.S. c’è !

Categorie: Comunicati Stampa||

Selis 2018. Lo spauracchio russo del Chertanovo Mosca

Lasciamo Torino e la squadra tricampione del Selis, per volare in Russia, a Mosca, per accogliere tra le top squadre partecipanti alla grande kermesse sarda,l’accademia più importante delle Federazioni sovietiche.
Bacino tra i più importanti di talenti consegnati alla nazionale russa, ritornano con grande entusiasmo in terra sarda, per bissare quantomeno il quarto di finale, perso lo scorso Giugno ai rigori, contro il Milan poi finalista.
Squadra dai grandi mezzi fisici e dalla grande organizzazione di gioco, sarà lo spauracchio dei team più accreditati alla vittoria finale. E’ per noi motivo di grande orgoglio poter avere ancora con noi, uno dei settori giovanili più importanti d’Europa, guidato impeccabilmente da Nikolai Larin.
Lo scorso maggio, dopo la presentazione alla stampa del torneo, ci avevano omaggiato, prima di sbarcare ad Olbia, di un video che vi riproponiamo qui sotto.
L’accostamento con il padrino Vito Corleone, ci aveva un po’ preoccupato e forse il paragone, per quanto italiani, con la Sardegna ci azzeccava ben poco.
Ma abbiamo finito per apprezzare, ed anche tanto, il messaggio che li vedeva partecipare ad un grandissimo evento.
Non vediamo l’ora di potervi riabbracciare ragazzi.

22°World Tournament ” Manlio Selis ” Le Coq Sportif Cup

30 May – 2 June 2018 – Il Chertanovo F.C. c’è !

Categorie: Comunicati Stampa||

Selis 2018. Il cuore granata del Torino F.C.

Ripartiamo dalla Svezia e ritorniamo in Italia per accogliere la società che puo’ vantare il maggior numero di successi al ” Manlio Selis “.
Il prossimo maggio timbreranno la loro dodicesima partecipazione consecutiva al torneo giovanile che loro amano di più.
Ritornano con ancora in panchina quell’Ermanno De Maria da molti considerato come uno dei migliori tecnici della categoria in Italia. Tre partecipazioni e due vittorie per un mister che vuole ancora una volta lasciare il segno nella piu’ importante rassegna Under 13 italiana. La cantera degli eredi di Valentino Mazzola , magistralmente guidata da Silvano Benedetti, icona assoluta del popolo granata, continua a sfornare giovani di assoluto valore e si candida, come ogni anno, a salire sul gradino piu’ alto del podio.
Siamo fieri ed orgogliosi di avere ancora una volta con noi uno dei settori giovanili piu’ importanti e prolifici d’Italia.

22° World Tournament ” Manlio Selis ”
Le Coq Sportif Cup – 30 May – 3 June 2018
Il Torino F.C. ancora una volta c’e’ !

Categorie: Comunicati Stampa||

Selis 2018. I pluri campioni di Svezia del Malmoe F.C.

Ripartiamo da Roma e voliamo nella lontana Svezia per scoprire una squadra a noi ormai familiare.
Vincitrice di ben 20 campionati svedesi e di 14 Coppe di Svezia, ritornano in Sardegna per l’ennesima volta e lo fanno con le stimmate della squadra mina vagante del ” Manlio Selis”.
Compagine forte fisicamente e dalle grandi individualità, darà filo da torcere alle Top squadre, italiane e straniere, che vorranno arrivare in fondo al prestigioso torneo sardo.

22° World Tournament ” Manlio Selis ”
Le Coq Sportif Cup – 30 May – 3 June 2018
Il Malmoe F.C. c’e’ !

Categorie: Comunicati Stampa||

Selis 2018. I lupi sono tornati! La Roma

Hanno scritto per ben due volte il proprio nome sull’albo d’oro del ” Manlio Selis “.
Nell’ormai lontano maggio del 2008 ( foto 3 ) batterono al Nespoli di Olbia per 2 a 1 l’Inter.
Il capitano di quel gruppo vincente era Alessio Romagnoli ( foto 4 al Nespoli prima della finalissima ) destinato dopo pochi anni ad esordire nella massima serie, passare per Genova sponda Samp e finire al Milan di Montella, non prima di aver fatto tutte le trafile della nazionale, compresa quella maggiore.
Il portiere nella foto e’ Gabriele Marchegiani, figlio del piu’ famoso Luca, ora secondo portiere alla Spal.
Nel 2010 si aggiudicarono il ” Selis “, battendo allo stadio di Arzachena il Genoa per 4 a 0 ( foto 5 ). In quella squadra, che vinse a mani basse il torneo, spiccava il talento di un ragazzino dal destino gia’ segnato, Lorenzo Pellegrini.
Dopo aver fatto la trafila in.tutte le categorie del settore giovanile, prestito al Sassuolo e ritorno alla casa madre da titolare nell’undici di Di Francesco. Perno indispensabile dell’Under 21, e’ ormai stabilmente nella rosa della nazionale maggiore di Giampiero Ventura.
Dopo la sconfitta nei quarti di finale con l’Atalanta nell’edizione 2016, arriva nuovamente in Sardegna, per lasciare il segno nella piu’ importante rassegna under 13 italiana, uno dei piu importanti e floridi settori giovanili italiani.

I lupi son tornati !

30 May – 3 June 2018
22° World Tournament ” Manlio Selis ”
Le Coq Sportif Cup – L’ A.S. Roma c’e’ !

Categorie: Comunicati Stampa||

Selis 2018. Da dieci anni con noi: il Chelsea F.C.

Cin Cin Blues. Ci eravamo lasciati così, al pranzo che precedeva la finale del 4 giugno scorso, al Palazzo Perantoni a Luras.
Sapevamo che sarebbe stato un’arrivederci e che alla 22° edizione del ” Manlio Selis ” non sareste mancati.
Sarà la decima edizione consecutiva, quella a cui parteciperà una delle società più importanti al mondo.
Ricevono inviti da ogni parte del globo ma a fine maggio, ogni anno, da dieci anni, c’è solo un’appuntamento cui loro non possono assolutamente mancare.
Hanno, come noi, la Sardegna nel cuore. Sanno che al ” Selis” non troveranno solo un elenco infinito di società di prim’ordine ma anche e sopratutto amici che non vedono l’ora di poterli riabbracciare. Siamo onorati, orgogliosi e fieri di avere ancora una volta tra noi un club che ha fatto la storia del calcio mondiale. Welcome back blues.

22° Torneo Mondiale ” Manlio Selis ” Le Coq Sportif Cup
30 Maggio – 3 Giugno 2018
Il Chelsea F.C. c’è !

Categorie: Comunicati Stampa||

Selis 2018. I campioni uscenti della Fiorentina

Ripartiamo da dove avevamo finito.
Ritornano con grande entusiasmo a difendere il titolo, conquistato al cospetto del Milan nella finale dello scorso 4 Giugno, al torneo riservato alla categoria Under 13 piu’ importante d’Italia.
Venderanno cara la pelle per riportare a Firenze lo straordinario trofeo riservato alla vincitrice del ” Manlio Selis “.
Ad attenderli, nella splendida terra sarda, il gotha del calcio giovanile italiano ed europeo.
Il dado e’ tratto, ne vedremo delle belle.

30 Maggio – 3 Giugno 2018
22° Torneo Mondiale
” Manlio Selis ” Le Coq Sportif Cup
La Fiorentina c’è

Categorie: Comunicati Stampa||

La Fiorentina trionfa al 21° Torneo mondiale “Manlio Selis”

 

Una cornice di pubblico straordinaria per la finalissima al “Limbara” di Luras. In mattinata l’aperitivo a palazzo Perantoni

E’ la Fiorentina di mister Giovanni Vitali la squadra che incide il proprio nome nell’albo della 21esima edizione del Torneo mondiale “Manlio Selis”, la rassegna di calcio giovanile under 13 più importante e rappresentativa d’Italia per la categoria e divenuto punto di riferimento delle principali società italiane ed estere.

Il prezioso trofeo di ceramica Cerasarda, che mostra le insegne del Torneo e del main sponsor della manifestazione, Le coq sportif, è stato conquistato dai viola toscani al termine della finale vinta 2-0 sul Milan del tecnico Bertuzzo.

Dopo le qualificazioni, ottavi, quarti e semifinali giocate nei campi di Olbia, Posada, Siniscola e San Teodoro, lo stadio “Limbara” di Luras ha accolto l’ultimo atto e un pubblico caloroso e coloratissimo ha fatto da cornice straordinaria  ad una gara combattuta per un tempo e decisa nel secondo dai gol di Lorenzo Gori e Cedric Koffi. Solo due dei tanti talenti della squadra toscana che per arrivare al traguardo ha superato senza fatica le qualificazioni per poi incontrare agli ottavi il Deportivo La Coruna, sconfitto di misura per 2-1, unico gol subito nel torneo, e ai quarti il Chelsea, travolto da un 5-0. In semifinale i viola hanno sconfitto la Juventus 3-0.

A questo link la dedica speciale del gruppo viola di mister Vitali dopo la vittoria del 21° Torneo mondiale “Manlio Selis”.  Sull’ official web radio del Torneo tutte le interviste realizzati durante i giorni della competizione.

La finale è stata diretta dal gruppo arbitrale giunto dalla sezione AIA di Olbia e guidato dall’arbitro calangianese Giua, premiato al termine dell’incontro.

Così in campo le due formazioni:

Milan: Sonzogni, Previtali, Incorvaia, Veglia, Di Palma, Marrone, Foglio, Cuscietti, Ivan, Pluvio, Bovi. A disp: Nava, Monelli, Bozzolan, Colombara, Bonacina, Montalbano. All: Bertuzzo

Fiorentina: Manzari, Macchi, Biagetti, Cellai, Aprili, Amatucci, Nardi, Mesini, Gori, Giulianelli, Costantini, Koffi. A disp: Bertini, Cellai, Piazza, Nizzoli, Atzeni, Gori, Vigiani. All. Vitale

Al termine della finalissima hanno sfilato sul campo tutte le 40  società e sono stati consegnati i premi speciali:

Migliore giocatore – Costantini –  Fiorentina.

Capocannoniere  – Ivan – Milan

Coppa Fair Play – Kashima Antlers – Giappone

Miglior portiere –  Manzari – Fiorentina

Miglior portiere dil. – Marino – Buon Pastore Palermo

Miglior difensore prof. – Pergolesi – Atalanta

Miglior difensore dil. – Spirito – Tor Tre Teste

Miglior centrocampista prof.  – Hasa – Juventus

Miglior centrocampista dil. – Carboni – Latte Dolce

Miglior allenatore prof. – Lantieri – Cagliari

Miglior allenatore dil. – Borsotti – Tau Calcio Altopascio

Ma non è stata solo una giornata di calcio e di divertimento sul campo e sugli spalti. In mattinata i delegati delle 40 società sono stati accolti dall’amministrazione di Luras, con in testa il sindaco Marisa Careddu, all’interno dello storico palazzo Perantoni, recentemente restaurato e restituito alla comunità. Nel cortile interno è stato allestito un pranzo a base di prodotti tipici, salumi e formaggi del territorio, zuppa gallurese, porcetto e seadas.

Un’occasione straordinaria di incontro e di scoperta delle tradizioni sarde soprattutto per i dirigenti delle 6 società straniere del Selis edizione 2017: gli svedesi del Malmo, i russi del Chertanovo Mosca, gli inglesi del Chelsea, gli spagnoli del Deportivo La Coruna, I nord Irlandesi della Rappresentativa Nazionale Irish Football Association e i giapponesi del Kashima Antlers.

La 21esima edizione del Selis va in archivio con un riscontro straordinario di pubblico e di contatti sui social, con le gare seguitissime da tutta Italia e dall’estero.

 

 

Categorie: Comunicati Stampa||

LA FINALE a Luras tra sport e ospitalità

LA FINALE. In questa 21^ edizione si realizza un piccolo sogno, voluto fortemente dal direttore del Torneo, Enea Selis. L’omaggio al padre con questa manifestazione che, negli anni, è cresciuta fino a consolidarsi nel panorama europeo, sarà il luogo scelto per la finalissima: Luras.

Il comune che è anche luogo d’origine, la casa della famiglia Selis, e dove tutto è nato con la prima edizione del 1997, vinta dalla società organizzatrice, la scuola calcio F.C. Luras, sarà la cornice dell’ultimo atto, quello della finalissima (4 giugno 2017, ore 16).

Con il suo stadio “Limbara” circondato e protetto dalle montagne, Luras ospiterà tanti giovani, i colori e gli stemmi di società di tutto il mondo e persone di nazionalità diverse. La sintesi dell’idea di Manlio Selis di uno sport corretto, che parla tutte le lingue e unisce.

 

PROGRAMMA EVENTO. La finale di Luras sarà un vero e proprio evento che coniugherà il lato sportivo con quello dell’ospitalità.

In accordo con il comune di Luras e l’assessorato allo sport, la mattina del 4 giugno le delegazioni delle 40 squadre (due dirigenti per squadra),  i rappresentanti dei Comuni patrocinanti il torneo e gli sponsor principali faranno visita al paese gallurese e potranno godere delle bellezze paesaggistiche e culturali del luogo.

Alle 11 si svolgerà il brindisi di benvenuto in uno dei luoghi storici della cittadina, Palazzo Perantoni, divenuto polo museale e che accoglie oggi cimeli, abiti, oggetti di vita quotidiana e immagini del passato lavorativo del comune. La terrazza panoramica e il cortile interno saranno la cornice ideale per un saluto che parte dall’isola per raggiungere due continenti, Europa ed Asia,  6 nazioni straniere, e altrettante regioni italiane.

PALAZZO PERANTONI. Il palazzo è situato nel centro storico di Luras. Risalente agli ultimi del XIX secolo, in stile liberty, Il Palazzo Perantoni al suo interno conserva eleganti decorazioni pittoriche. L’edifico, recentemente restaurato, ospiterà un centro di documentazione sull’antica vinificazione, l’esposizione di antichi costumi e altri locali ospiteranno botteghe di alcuni antichi mestieri.

CARTOLINA DA LURAS. Il buffet sarà il classico pranzo sardo:  aperitivo di benvenuto con diversi vini offerti dalle cantine sponsor del torneo, salumi misti offerti da un’azienda del settore, pane fatto in casa,  zuppa gallurese nella migliore tradizione lurese, porcetto e salsiccia arrosto e seadas con il miele, cucinata sul posto. L’enogastronomia locale unita alle straordinarie peculiarità dei luoghi, saranno il trait d’union con i protagonisti del Torneo Selis, dal Giappone alla Svezia, dall’Italia alla Russia, dalla Spagna al Regno Unito. Una cartolina colorata che parla tante lingue e che è anche immagine di come una manifestazione sportiva possa essere formidabile vettore di marketing territoriale in tutto il mondo il mondo.

Sarà una giornata speciale, non solo un omaggio al comune ospitante l’atto finale del Torneo ma, soprattutto, un abbraccio collettivo a Manlio Selis, esempio di lealtà e correttezza, nella vita e nello sport, valori attorno ai quali è nato ed è cresciuto il torneo che oggi, da 21 anni, porta il suo nome.

 

Categorie: Comunicati Stampa||

L’arbitro della Finale del Torneo Selis sarà il calangianese Antonio Giua, sezione di Olbia.

La comunicazione ufficiale è arrivata dalla direzione dell’Aia – Figc. Sarà uno dei migliori arbitri emergenti nel panorama nazionale a dirigere la finale del 21° Torneo mondiale “Manlio Selis”.

Antonio Giua, direttore di gara della sezione AIA di Olbia, nato e cresciuto a Calangianus, classe 1988, una laurea in ingegneria gestionale conseguita a Pisa, è considerato dagli addetti ai lavori uno dei migliori fischietti italiani tanto da ricevere da Marcello Nicchi, capo degli arbitri italiani di calcio, un’investitura ufficiale e una previsione: «tra due anni arbitrerà in serie A».

La sua carriera è cominciata in Gallura arbitrando le partite dei giovanissimi provinciali; poi la scalata arrivando Lega Pro (serie C).

Nel campionato Primavera ha diretto la più importante gara del settore giovanile, la finale di Supercoppa fra Roma e Inter, all’Olimpico davanti a 10.000 spettatori, ottenendo giudizi più che lusinghieri.

Giua ha all’attivo 2 presenze in Coppa Italia di Lega Pro, 2 in Coppa Italia, 19 in Lega Pro girone A, 11 in Lega Pro girone B, 23 in Lega Pro girone C, 20 nel campionato Primavera girone A, 6 nel campionato Primavera gironeB, 5 nel campionato Primavera girone C, 6 presenze al Torneo di Viareggio.

Per il Torneo “Manlio Selis” prosegue la tradizione dei più importanti fischietti italiani all’evento conclusivo. Maggiore è l’orgoglio potendo contare su un direttore di gara nato e cresciuto in Sardegna, a pochi passi da dove si svolgerà l’atto conclusivo, l’attesissima  finale del 4 giugno a Luras. In bocca al lupo all’arbitro Giua e un ringraziamento all’Associazione Italiana Arbitri, sempre vicina al Torneo Selis.

Categorie: Comunicati Stampa||

La presentazione del 21st World Tournament “Manlio Selis” Le Coq Sportif Cup

La presentazione del 21st World Tournament “Manlio Selis” 

Le Coq Sportif Cup

All’Hotel Grande Baia Resort e SPA di San Teodoro la presentazione della 21esima edizione ai giornalisti. Presenti le delegazioni delle 40 squadre e le istituzioni. Le parole dei protagonisti.

 

Lo scenario unico della terrazza dell’Hotel Grande Baia Resort e SPA di San Teodoro, con l’isola di Tavolara sullo sfondo, ha fatto da cornice alla presentazione della 21esima edizione del Torneo Mondiale “Manlio Selis” – le coq sportif cup, in programma dal 31 maggio al 4 giugno sui campi di Olbia, Posada, San Teodoro, Siniscola e Luras, dove si terrà la finalissima.

UN PO’ DI STORIA. Il torneo è intitolato alla memoria di Manlio Selis, sportivo conosciutissimo  non solo in Gallura, calciatore prima, allenatore dopo,  ed amico di tantissimi personaggi del calcio che conta. Il ricordo del figlio, Enea Selis: «Circa settant’anni fa, mio padre, aiutato da un gruppo di amici, fondò la squadra del paese dandogli il nome di Lauras; i colori sociali, per non tradire la fede juventina,  furono naturalmente bianconeri. Con grandi sacrifici, non solo economici, e spalleggiati da un intero paese, questo gruppetto di sognatori riuscì ad acquistare il terreno dove tuttora sorge lo stadio Limbara. Mio padre amava il suo paese in maniera smisurata, ha dato tantissimo a molti, talvolta ricevendo pochissimo. Non avrei avuto pace sino a quando la gente. che oggi arriva da tutto il mondo per giocare al “suo” torneo, non fosse ritornata là, dove tutto era nato». Con il passare degli anni la manifestazione, cresciuta per quantità e qualità delle squadre partecipanti, è divenuta la più importante rassegna in Italia e tra le prime tre in Europa per la categoria Esordienti (ragazzi Under 13) ottenendo l’egida di Coni e Figc.

Un successo che oggi richiama squadre da tutta Italia ed estere, pronte a darsi battaglia per il prezioso Trofeo, realizzato in un pezzo unico dall’artista Thierry Mourot per Cerasarda, l’azienda leader del settore ceramistico.

LA CONFERENZA. La presentazione si è aperta con il video spot della 21esima edizione, una piccola perla del regista sassarese Giuseppe Garau, che passa dalle immagini dal campo di periferia ai trofei sollevati, in un viaggio tra passato e presente dedicato a tutti coloro che sognano un giorno di partecipare al Selis.

Sono seguiti i saluti dell’organizzatore,  Enea Selis, che ha ricordato le novità di questa edizione, tra tutte, l’apertura al continente asiatico grazie alla partecipazione della squadra giapponese dei Kashima Antlers, non presenti all’incontro odierno per motivi logistici ma pronti per le sfide del Selis.

Hanno poi portato i loro saluti i delegati dei comuni in cui si svolgeranno le fasi preliminari del Torneo: il sindaco di San Teodoro, Domenico Mannironi, l’assessore allo sport del Comune di Olbia, Silvana Pinducciu, l’assessore allo sport del comune di Siniscola, Paola Fadda, il delegato allo sport del comune di Posada, Matteo Ruiu, e il sindaco di Luras, dove si svolgerà la finale del 4 giugno, Marisa Careddu che ha sottolineato il lavoro di sinergia tra tutti i Comuni impegnati nel Selis.

A concludere i saluti istituzionali il presidente della Figc Sardegna, Gianni Cadoni, che ha parlato dell’importanza di una manifestazione così longeva e di respiro internazionale per tutto il movimento isolano e, con lui Mauro Marras, responsabile del Settore giovanile scolastico della Figc Sardegna sull’aspetto legato ai messaggi sociali lanciati dal torneo e condivisi dalla Figc.

LE PREMIAZIONI. Durante l’incontro, coordinato dalla giornalista di Videolina Stefania de Michele, si sono svolte anche le consuete premiazioni di alcuni personaggi dello sport che si sono distinti nell’annata trascorsa.

Il premio “dott. Giuseppe Pinna” è andato al responsabile del settore giovanile del Genoa, Michele Sbravati. Non parole di circostanza da parte del dirigente rossoblù che ha parlato del difficile ruolo che riveste e della necessità di essere figure di riferimento per i giovani, in grado di osservarli, sceglierli e accompagnarli nel loro percorso formativo, non solo sportivo.

Al presidente del Cagliari Tommaso Giulini è andato il premio  di “sportivo dell’anno” , a coronamento di due stagioni positive, dopo un’amara retrocessione, che hanno riportato, in un anno, la squadra in serie A con una cavalcata trionfale e, oggi, una salvezza conquistata con largo anticipo.

Il riconoscimento di “giornalista sportivo dell’anno” è andato  al volto di Sky Federico Buffa, capace di conquistare  il grande pubblico grazie alla sua capacità  di raccontare storie di sport e società, con uno stile personale e riconoscibile, conquistando anche la critica che gli ha attribuito il titolo di “Miglior narratore di sport vivente”. Per il giornalista e storyteller sono bastate poche parole per guadagnarsi l’attenzione della platea di addetti ai lavori

L’incontro è proseguito con uno scambio di doni, magliette e il libro/brochure della 21esima edizione che raccoglie  interviste e parole di saluto delle istituzioni.

LA FORMULA DEL SELIS. La conferenza stampa si è conclusa con la presentazione dei 10 gironi che vedranno impegnate le 40 squadre in lizza con la consueta formula che consentirà alla realtà più piccole del mondo del calcio sardo e della penisola di confrontarsi con le big italiane ed estere. In totale 800 atleti, 40 squadre e circa 200 tra staff e tecnici. Tra i 10 gironi ci saranno anche 25 squadre dilettantistiche provenienti da sei regioni d’Italia. Questi i gironi con i turni preliminari:

GIRONE A    STADIO GEOVILLAGE  OLBIA
F.C. JUVENTUS – OLBIA CALCIO 1905 – S.C. GIGI RIVA – POL. LANTIERI SASSARI

GIRONE B    STADIO GEOVILLAGE OLBIA
A.C.F. FIORENTINA – F.C. FROSINONE – LA PALMA MONTE URPINU CAGLIARI – BUON PASTORE PALERMO

GIRONE C    STADIO CAOCCI  OLBIA
C.F.C. GENOA – G.S.D. TOR TRE TESTE ROMA – SAN FRANCESCO QUARTU – POL. PORTO ROTONDO

GIRONE D    STADIO CAOCCI  OLBIA
DEPORTIVO LA CORUNA – CAGLIARI CALCIO – G.S. SAN PAOLO SASSARI – ACCADEMIA OGLIASTRA

GIRONE E    STADIO NESPOLI OLBIA
F.C. CHELSEA – TAU CALCIO ALTOPASCIO – POL. LATTE DOLCE SASSARI – G.S. ASSEMINI

GIRONE F    STADIO COMUNALE SAN TEODORO
A.C. MILAN – LUCENTO TORINO – SIGMA CAGLIARI – S.G. NUORESE

GIRONE G   STADIO  COMUNALE SAN TEODORO
NAZIONALE IRLANDESE – KASHIMA ANTLERS – FERRINI CAGLIARI – S.C. STAR SPORT OLBIA

GIRONE H   STADIO COMUNALE POSADA
F.C. MALMOE – VADO LIGURE – S.C. BRUNO SELLERI – SORSO CALCIO

GIRONE I    STADIO  SOLINAS  SINISCOLA
F.C. CHERTANOVO MOSCA – F.C. TORINO – DON BOSCO NULVI – SAN PAOLO CAGLIARI

GIRONE L   STADIO SOLINAS  SINISCOLA
B.C. ATALANTA – GRIFONE MONTEVERDE ROMA – MARZIO LEPRI SASSARI – FUTURA SALES SELARGIUS

LE SQUADRE. Sono 15 le squadre professionistiche:

6 straniere – Kashima Antlers (Giappone), F.C. Malmoe (Svezia), F.C. Chelsea (Inghilterra), Deportivo La Coruna Spagna), I.F.A. Northern Ireland (Irlanda del Nord), F.C. Chertanovo Mosca (Russia)

9 italiane – Atalanta, Cagliari, Fiorentina, Frosinone, Genoa, Juventus, Milan, Torino, Olbia Calcio.

Sono 25 le dilettantistiche:

provenienti da 6 regioni italiane: Toscana (Tau Calcio Altopascio), Liguria (Vado Ligure), Sicilia (Buon Pastore Palermo), Lazio (Grifone Monteverde, Nuova Tor Tre Teste),Piemonte (Lucento Torino) e Sardegna (Pol. Ferrini Cagliari, G.S.  Gigi Riva Cagliari, S.C. Futura Sales  Selargius, G.S.D. Assemini, S.C.  San Francesco Quartu, G.S.  San Paolo Cagliari, G.S.  La Palma Monte Urpinu, Accademia Ogliastra, Pol. Latte Dolce  Sassari, Marzio Lepri Sassari, G.S.  San Paolo Sassari, Sorso Calcio, Pol. Lanteri Sassari, Star Sport Olbia, Bruno Selleri Olbia, Porto Rotondo, Sigma Cagliari, Pol. Don Bosco Nulvi, SG Nuorese).

L’OSPITALITÀ. La cofnerenza stampa di questa 21^ edizione è terminata con uno straordinario buffet per oltre 100 addetti ai lavori a significare che il “Torneo Selis” offre l’opportunità di mettere in moto una grandiosa macchina dell’ospitalità, nel periodo di bassa stagione, grazie ai professionisti che operano in tutti i settori, al servizio di questa vetrina del calcio e dello sport giovanile.  Centinaia di ragazzi, migliaia di fruitori di calcio, semplicemente curiosi. Ognuno di loro porterà nel cuore il ricordo dei luoghi in cui si svolge la manifestazione. Le strutture ricettive convenzionate che ospitano il Torneo Selis: Geovillage Resort – Olbia, Hotel Grande Baia– San Teodoro, Hotel Sandalyon – San Teodoro, Bungalow Club Village – San Teodoro, Hotel ristorante Donatella – Posada, Hotel L’Aragosta – Siniscola, Hotel Cala di Torre – Siniscola. A questi si aggiungono i numerosi B&B e le tantissime seconde case interessate dall’evento e pronti ad accogliere le centinaia di famiglie degli atleti.

GLI STADI.  Il Comune di Olbia sarà il primo punto di riferimento del Torneo, grazie alle sue strutture: Geovillage, lo stadio Bruno Nespoli, lo stadio Angelo Caocci. Le altre gare dei 10 gironi si svolgeranno al Comunale di San Teodoro, di Posada  e al “Solinas” di Siniscola. In questa 21^ edizione si realizza un piccolo sogno, voluto fortemente dal direttore del Torneo, Enea Selis. L’omaggio al padre, con questa manifestazione che, negli anni, da è cresciuta fino a consolidarsi nel panorama europeo, sarà il luogo scelto per la finalissima: Luras.  Il comune che è anche luogo d’origine, la casa della famiglia Selis, e dove tutto è nato con la prima edizione del 1997, vinta dalla società organizzatrice, la scuola calcio F.C. Luras, sarà la cornice dell’ultimo atto, quello della finalissima. Con il suo stadio “Limbara” circondato e protetto dalle montagne, in paese si riverseranno tanti giovani, i colori e gli stemmi di società di tutto il mondo e persone di nazionalità diverse. La sintesi dell’idea di Manlio Selis di uno sport corretto, che parla tutte le lingue e unisce.

SPONSOR.  Il Main Sponsor sarà la prestigiosa azienda francese Le Coq Sportif, marchio storico dell’abbigliamento sportivo conosciuto in tutto il mondo che, ormai da anni, si è legato alla rassegna calcistica riconoscendone i valori in termini di correttezza, lealtà, fair play sottolineati anche dalla campagna promossa dalla Uefa e sostenuta al Selis: “Say no to racism”.

QUALCHE NUMERO. 5 giorni di garecirca 800 atleti di 12 e 13 anni, 200 persone di staff, tra allenatori, dirigenti, fisioterapisti, medici, 75 gare, 40 direttori di gara, di cui uno Can A designato a dirigere la finalissima del 4 Giugno, 6 stadi, 30 tra Resort, Hotel e B/B. 12 voli aerei e 10 passaggi navali, 15 bus, 6 responsabili di campo, 6 interpreti, 3 responsabili dei trasporti, 15 tutor riservati alle società professioniste, 2 supervisor della manifestazione, 2 collaboratori della sala stampa, grafici e tecnici informatici coordinati da un addetto stampa responsabile comunicazione, web e social, 6 testate della carta stampata accreditate,  TV Nazionali,  Regionali, 2 Web TV, diretta streaming della conferenza stampa e della finalissima sul sito della manifestazione e sui social network dedicati. Un main Sponsor di caratura mondiale, un’azienda leader dell’abbigliamento sportivo e dello sportwear che vestirà le 80 persone che a vario titolo collaboreranno all’evento. Un pranzo di gala, rigorosamente “sardo”, all’ombra di un albero con 4000 anni di storia, a far da preludio alla gara che assegnerà l’ambito trofeo, realizzato a mano, per l’occasione, da un’azienda sarda leader mondiale del settore della ceramica.

IL SELIS SI FA SOCIAL.  Il sito internet torneoselis.it è divenuto punto di riferimento per lo straordinario numero di accessi  e da questa edizione sono state avviate nuove piattaforme come la Web radio Torneo Manlio Selis che consente di ascoltare le voci dei protagonisti, con interviste in tempo reale, e la pagina YouTube che accoglie già i video realizzati per questa edizione. Facebook, Twitter e Instagram saranno le piattaforme utilizzate per dialogare con chi seguirà l’evento e potrà partecipare alle tante iniziative in programma tra cui il contest fotografico #Im@theSelis che premierà i migliori scatti relativi a sport,  relax, divertimento e voglia di stare insieme durante le giornate del Torneo. I nostri canali:

Facebook   Website  Twitter   Instagram   Spreaker Web Radio  YouTube

 

Tutte le interviste ai tecnici e dirigenti sulla nostra web radio  

La conferenza stampa completa a questo link (grazie a Gallura News) 

Categorie: Comunicati Stampa||

Michele Sbravati (C.F.C. Genoa) e Tommaso Giulini (Cagliari Calcio) i premiati del Selis 2017

LE PREMIAZIONI DEL SELIS. Durante la mattinata della conferenza stampa (lunedì 15 maggio – ore 10- Grande Baia Resort di San Teodoro), oltre ad incontrare le delegazioni delle 40 squadre e rendere noti i 10 gironi, si terranno le premiazioni a personalità del mondo dello sport che si sono distinte nella scorsa stagione.

Vi abbiamo già anticipato il “Giornalista dell’anno” presente con noi, Federico Buffa,  e ora vi sveliamo i nomi de premiati di questa edizione che si sono distinti tra i dirigenti sportivi: dopo un’amara retrocessione sono arrivati due anni di successi, una promozione in serie A e una salvezza conquistata in anticipo. Il premio “Sportivo dell’anno” andrà al presidente del Cagliari Calcio Tomaso Giulini.

Il Torneo Selis guarda ai giovani e per fare grandi i giovani ci devono essere figure di riferimento in grado di osservarli, sceglierli, accompagnarli nel loro percorso formativo, non solo sportivo. Il nostro premio” Dott. Giuseppe Pinna” va al responsabile del settore giovanile del C.F.C. Genoa Michele Sbravati.

Categorie: Comunicati Stampa||

Federico Buffa premiato come giornalista sportivo dell’anno al 21th World Tournament “Manlio Selis”

Il critico televisivo Aldo Grasso di lui ha scritto “si propone come formidabile narratore. Difficile, anche nel passato, trovarne uno più bravo”. L’Huffington Post ha elencato i 7 motivi per innamorarsene tra cui “aver dato all’Italia una cosa che culturalmente non aveva: l’epica sportiva”. Per il pubblico, che lo adora, i racconti in televisione, suggestivi e carichi di pathos mai banale, non bastano più. La sua tournée teatrale è sold out in tutta Italia.
E’ considerato fra i massimi esperti italiani di basket ed NBA, tra i più appassionati storyteller dello sport; autore, scrittore, viaggiatore, vorace lettore, attualmente telecronista sportivo per Sky ma con un presente in continuo divenire.
E’ Federico Buffa il giornalista sportivo dell’anno che sarà premiato al 21th World Tournament “Manlio Selis” (31 may / 4 june) in occasione della conferenza stampa di presentazione del torneo, in programma il prossimo 15 maggio all’Hotel Grande Baia di San Teodoro.
Buffa ritirerà il premio davanti alla platea di addetti ai lavori e giornalisti presenti per dare inizio all’avventura dell’edizione 2017 del Selis, il torneo di calcio giovanile riservato alla categoria under 13 più importante in Italia.
Categorie: Comunicati Stampa||

Il saluto del Cagliari Calcio al 21° Torneo mondiale Manlio Selis

21^ edizione del Torneo mondiale “Manlio Selis” – Le Coq Sportif Cup (31 maggio/4 giugno 2017)

Dopo aver appena festeggiato la matematica permanenza in serie A, il Cagliari Calcio si presenta ai nastri di partenza del torneo under 13 più importante in Italia con le parole del Responsabile del settore giovanile Mario Beretta.
(si ringrazia l’ufficio stampa Cagliari Calcio per la gentile collaborazione)

Categorie: Comunicati Stampa||

Il saluto del C.F.C. Genoa al 21° Torneo mondiale Manlio Selis

Il saluto del C.F.C. Genoa in vista della 21^ edizione del Torneo mondiale “Manlio Selis” – Le Coq Sportif Cup (31 maggio/4 giugno 2017) con le parole del Responsabile organizzativo del settore giovanile, Alessio Vernazza, e del direttore sportivo Allievi ed ex capitano dei grifoni, Marco Rossi.
(Si ringrazia l’ufficio stampa C.F.C. Genoa per la gentile collaborazione).

Categorie: Comunicati Stampa||

Il saluto della Juventus al 21° Torneo mondiale Manlio Selis

Siamo felici di sapere di aver creato un torneo che piace, che addetti ai lavori e atleti aspettano con trepidazione e, soprattutto, che tutti vogliono vincere.
I saluti della Juventus, con l’allenatore degli Esordienti 2004 Alessandro Spugna, sono un grido di battaglia in vista del  21th World Tournament Manlio Selis – Le Coq Sportif Cup.
(Grazie all’ufficio stampa Juventus per la gentile collaborazione)

Categorie: Comunicati Stampa||

Il saluto del Kashima Antlers al 21° Torneo mondiale Manlio Selis

Siamo andati fino in estremo oriente!

Accogliamo con affetto i saluti di Takeiro Takashima, Head of Youth Development della formazione giapponese del Kashima Antlers. Ci dividono 10.000 km ma dal 31 maggio al 4 aprile i ragazzi dell’ “isola del cervo” saranno con noi per il 21th World Tournament Manlio Selis – Le Coq Sportif

(grazie ad Anna Maria Cabras, la nostra inviata in Giappone, per la gentile collaborazione).

Categorie: Comunicati Stampa||

Il saluto del Torino F.C. al 21° Torneo mondiale “Manlio Selis”

La 21^ edizione del Selis si avvicina!
Volete sapere cosa dicono di noi le società che hanno partecipato in questi anni? e quelle che invece saranno presenti per la prima volta? Scopriamolo con questi video-saluti che pubblicheremo periodicamente sul nostro canale YouTube

Le parole del responsabile della Scuola Calcio del Torino F.C., Silvano Benedetti
(grazie all’ufficio stampa Torino F.C. per la gentile collaborazione).

Categorie: Comunicati Stampa||

I numeri del Torneo “Manlio Selis” 2017

La Regione Autonoma della Sardegna tramite l’Assessorato al Turismo e Assessorato allo sport e i cinque comuni:  Olbia, Siniscola,  San Teodoro, Posada e Luras, partner istituzionali patrocinanti l’evento.
15 Società professioniste, in arrivo da due continenti, Europa e Asia, dall’Italia, dalla Spagna, dall’Inghilterra, dall’Irlanda, dalla Russia, dalla Svezia, dal Giappone.
25 Società dilettanti, dalla Sardegna, dal Lazio, dalla Regione Liguria, dalla Regione Toscana, dal Piemonte, dalla Sicilia.

800 ragazzi di 12 e 13anni, 200 persone di staff, tra allenatori, dirigenti, fisioterapisti, medici.
75 gare, 40 direttori di gara, di cui uno della AIA – Associazione Italiana Arbitri Can A designato a dirigere la finalissima del 4 Giugno.
6 stadi, 30 tra Resort, Hotel e B/B. 12 voli aerei e 10 passaggi navali, 15 Bus, 6 responsabili di campo, 6 interpreti, 3 responsabili dei trasporti, 15 tutor riservati alle società professioniste, 2 supervisor della manifestazione, 2 responsabili della sala stampa, coordinati dal responsabile dell’ufficio stampa, 6 testate della carta stampata accreditate, 2 TV Nazionali, 3 Regionali, 2 Web TV, diretta streaming della conferenza stampa e della finalissima sul sito della manifestazione e sui social network dedicati.
Un Main Sponsor di caratura mondiale, un’azienda leader dell’abbigliamento sportivo e dello sportwear, che vestirà le 80 persone che a vario titolo collaboreranno all’evento.
Una conferenza stampa, in una location da sogno, che svelerà la composizione dei gironi ed al cui interno verranno premiati personaggi di primissimo piano del mondo del calcio e del giornalismo sportivo.
Un pranzo di gala, rigorosamente “sardo”, all’ombra di un albero con 4000 anni di storia, a far da preludio alla gara che assegnerà l’ambito trofeo. Un trofeo totalmente realizzato a mano per l’occasione da un’azienda sarda leader mondiale del settore della ceramica.
Potevamo fare di più? Beh si, potevamo fare di più. Ma potevamo fare di meno, molto di meno.
I sogni a volte si realizzano ed a volte rimangono solo tali, stiamo lavorando sodo per la prima ipotesi.
Seguiteci, incoraggiateci, stateci vicino, ormai, da tempo, il “Manlio Selis” non è più di chi l’organizza, ma di tutti voi.

Road to :
21° World Tournament. ” Manlio Selis “
Le Coq Sportif Cup – 31 May – 4 June 2017
#torneoselis #lecoqsportifcup #SeliStars🌟
Categorie: Comunicati Stampa||

Le 25 società dilettantistiche del 21th World Tournament “Manlio Selis”

Nelle scorse settimane vi abbiamo presentato le 15 società professionistiche che saranno presenti alla prossima edizione del Torneo Selis. Un viaggio che va dal Giappone all’Inghilterra, dalla Svezia alla Russia, dall’Italia all’Irlanda del Nord passando per la Spagna.

Ora tocca a loro!

In attesa di scoprire i gironi, che verranno comunicati in occasione della conferenza stampa di presentazione del Torneo, in questo video vi sveliamo quali saranno le 25 società dilettantistiche che si sfideranno dal 31 maggio al 4 giugno.

Categorie: Comunicati Stampa||

Il R.C. Deportivo La Coruna al 21th World Tournament “Manlio Selis”

E’ l’ultima delle 15 societa’ professioniste che saranno protagoniste a fine maggio.
Ovviamente l’ultima in senso cronologico e non per importanza, tutt’altro….
Fondato nel 1906, nella sua storia ha vinto un campionato spagnolo (2000), due Coppe del Re (1995 e 2002) e tre Supercoppe di Spagna (1995, 2000 e 2002). Ha partecipato a cinque edizioni consecutive della UEFA Champions League dal 2000 al 2005, arrivando in semifinale nel 2003-2004.
Ma sopratutto la sua Cantera e’ tra le piu’ prolifiche di tutta la Spagna.
Espressione di quel calcio giovanile che non ha eguali in Europa, arrivano per la prima volta in Sardegna ed e’ tanta la curiosita’ di vederli all’opera. Chi vorra’ vedere tecnica sopraffina in ragazzi di 13 anni, dovra’ fare un salto e vederli, non se ne pentira’.
Puntano a fare bene e con cosi’ tanta qualita’, puntano alla finale del 4 Giugno.

21° World Tournament ” Manlio Selis ”
Le Coq Sportif Cup – 31 May – 4 June 2017
Il Real Club Deportivo de La Coruña c’e’ !!!!!!

Il Frosinone al 21th World Tournament “Manlio Selis”

 

Sono al quarto anno consecutivo di partecipazione al ” Manlio Selis “.
Una società giovane, dinamica, che lavora bene con i giovani e che si e’ particolarmente distinta, nelle passate edizioni, per il comportamento dentro e fuori dal rettangolo di gioco. Ritornano desiderosi di far bene e di lasciare, come sempre, un gran ricordo nel cuore di tutti.

21° World Tournament ” Manlio Selis ”
Le Coq Sportif Cup 31 May – 4 June 2017 –
Il Frosinone Calcio c’e’ !!!

Categorie: Comunicati Stampa|Tag:|

L’Olbia Calcio al 21th World Tournament “Manlio Selis”

E’ la seconda societa’ professionistica sarda, da tanti anni partecipante al” Selis “.
Dopo il recente restyling con il Cagliari calcio, il settore giovanile, guidato dal giovanissimo Ruggero Radice, figlio dell’indimenticabile Gigi, ha ripreso nuova linfa, ritornando agli antichi splendori.
Una societa’ dalle grandi tradizioni, con grandi rinnovate ambizioni.
Arrivano al prestigioso torneo sardo per ben figurare e mettere in mostra qualche promettente talento.

21° World Tournament ” Manlio Selis ” –  Le Coq Sportif Cup

31 May – 4 June 2017
L’ Olbia Calcio c’e’ !!!!

 

Categorie: Comunicati Stampa|Tag:|

Il Chelsea F.C. al 21th World Tournament “Manlio Selis”

Dopo la partecipazione dell’Arsenal nell’edizione 2008, volevamo sollevare l’asticella e portare in Sardegna la società inglese che negli ultimi anni aveva lasciato il segno e non solo sui campi da gioco. Un amico comune ci fece incontrare Gianfranco Zola, lui era stato protagonista assoluto con quella maglia negli ultimi decenni.
Era diventato un idolo per i tifosi londinesi e non solo, sino a ricevere il titolo di Baronetto inglese dalle mani della Regina Elisabetta, onoreficenza riservata a pochi. Con la modestia che da sempre lo aveva contraddistinto ci disse che avrebbe parlato volentieri con i vertici societari e che ci avrebbe fatto sapere.
All’ufficio di Stanford Brigde arrivano ogni anno centinaia di inviti, per partecipare ai più disparati tornei, sparsi per tutto il mondo.
Non abbiamo la certezza ma pensiamo di sbagliarci di poco, se riteniamo che dopo la telefonata del tamburino sardo, se mai nella data del Torneo Selis 2009 fosse già stato accettato un torneo, si doveva cambiare destinazione, non si poteva dire di no a chi aveva fatto sognare milioni di tifosi. La storia dei giorni nostri racconta di una società che partecipa al ” Manlio Selis ” da ben 9 annI.
Tanti suoi ragazzini hanno già esordito in Premier League ed altri sono in procinto di farlo. E’ una delle società più famose al mondo e puntualmente dal maggio del 2009, non esiste per la loro categoria Under 13, altra manifestazione che non sia il torneo in ” Sardinia “. Siamo veramente onorati di averli tra noi, siamo onorati di poter offrire loro la nostra ospitalità, siamo onorati e ne siamo fieri, di essere diventati loro amici.
Bisogna migliorare la semifinale del 2015, ci proveranno, come sempre, e come sempre metteranno in mostra qualche piccolo talento che tra qualche anno ritroveremo nel calcio che conta.
Al più importante torneo italiano riservato alla categoria under 13, non potevano mancare i blues, ancora una volta Welcome Boys !

21° World Tournament ” Manlio Selis ” Le Coq Sportif Cup
31 May – 4 June 2017 – Il Chelsea Football Club c’è !

Categorie: Comunicati Stampa|Tag:|

Il Cagliari Calcio al 21th World Tournament “Manlio Selis”

E’ la squadra che rappresenta un’intera isola, un settore giovanile finalmente all’avanguardia, una società tra quelle con il più alto numero di partecipazioni al ” Manlio Selis “.

I ragazzini di Mario Beretta e Oscar Erriu, ritornano in Gallura per cercare di migliorare i quarti di finale raggiunti nella scorsa edizione. Avranno dalla loro, come sempre, il calore dei tanti tifosi rossoblù . Bisogna tenere alto il nome dell’intera Sardegna, al cospetto di compagini che arrivano da tutto il mondo.
Il cuore di tutti batte sempre forte quando entra in campo la maglia che da sempre fa innamorare un intero popolo.

21th World Tournament  ” Manlio Selis ”  – Trofeo Le Coq Sportif

31 Maggio – 4 Giugno 2017 – Il Cagliari Calcio c’è!

Categorie: Comunicati Stampa|Tag:|

La Fiorentina al 21th World Tournament “Manlio Selis”

Ritornano dopo le due passate esperienze in Sardegna, per cercare di arrivare sino in fondo nel Torneo Under 13 più importante d’ Italia.
Si presentano al ” Manlio Selis ” con le credenziali della squadra
che può dar filo da torcere alle big del Torneo, con in testa quel Milan, unanimamente considerata da tutti, l’invincibile squadra Under 13, che gli addetti ai lavori indicano come candidata principe a sollevare al cielo, il 4 Giugno prossimo, l’ambitissimo trofeo.
E’ un grandissimo piacere annoverare tra le 14 squadre professioniste presenti, una società dalla grande tradizione, dal grande blasone e dalla grande storia.

21th  World Tournament ” Manlio Selis ” Le Coq Sportif Cup
31 May – 4 June 2017 – La Fiorentina c’è!!!!

Categorie: Comunicati Stampa|Tag:|

L’Atalanta al 21th World Tournament “Manlio Selis”

Si potrebbe semplicemente scrivere che è la squadra campione in carica, ma preferiamo descriverla come il miglior settore giovanile italiano, da sempre.
Lunghissimo è l’elenco dei calciatori diventati poi dei veri campioni, cresciuti nel vivaio bergamasco.
Ritornano, come è giusto che sia, con le stimmate dei favoriti.
La concorrenza, anche quest’anno, è semplicemente straordinaria.
Riuscirà Paolo Giordani, allenatore giovane e preparato come pochi, a bissare il successo dello scorso giugno e riportare a Zingonia il trofeo della prima classificata?

21th  World Tournament “Manlio Selis ” – Trofeo Le Coq Sportif
31 May – 4 June 2017

L’Atalanta c’è!

Categorie: Comunicati Stampa|Tag:|

Il Genoa al 21th World Tournament “Manlio Selis”

«Al Genoa avrei scritto una canzone d’amore, ma non lo faccio perché per fare canzoni bisogna conservare un certo distacco verso quello che scrivi, invece il Genoa mi coinvolge troppo. »

Fabrizio De André

E’ la società italiana in possesso del più antico documento scritto attestante la nascita (7 settembre 1893), ed è la più longeva fra quelle ancora in attività

Nel suo albo d’oro figurano 9 campionati italiani, tra cui il primo in assoluto risalente al 1898, e una Coppa Italia.

Nel 2011 è stata inserita nell'”International Bureau of Cultural Capitals” (una sorta di patrimonio sportivo storico dell’umanità, in linea con quello dell’UNESCO).

Nel 2013 inoltre è stato ammesso nel “Club of Pioneers”, associazione che raggruppa i club di calcio più antichi del mondo che già comprende lo Sheffield e il Recreativo de Huelva.

Vincitrice di ben tre edizioni del Selis, seconda exquo con l’Inter dietro il Torino nell’albo d’oro della manifestazione, può vantare un settore giovanile tra i primissimi in Italia.

Solo per citarne alcuni, sono cresciuti con la mitica maglia rossoblu, Perin, Sturaro, El Shaarawy, Mandragora e quel Pietro Pellegri che all’età di 15 anni ha gia esordito in serie A, stabilendo il record di giocatore più giovane ad aver esordito nella massima serie.

Prima squadra professionista ad aver partecipato al Selis, ha tracciato la strada alla partecipazione delle più importanti società italiane e straniere.

E’ la società che ci ha accompagnato nella nostra crescita e che spesso ci ha fornito validi strumenti per migliorarci; è la società che ci ha permesso di coltivare, portare avanti, custodire gelosamente rapporti personali unici ed indissolubili.

Luigi Pinna, genoano di Bosa, è stato il primo dirigente a portare lo storico marchio del Grifone in Sardegna ed a farci innamorare di questa maglia; nel farci conoscere, allora, il calcio professionistico, ci ha dato l’opportunità di instaurare rapporti umani e di vita, che il tempo non ha mai scalfito.

Abbiamo conosciuto con Luigi, Michele Sbravati, allora come oggi Responsabile del settore giovanile del club, conoscitore come pochi del calcio giovanile italiano e uomo di fiducia di Enrico Preziosi; non solo uomo di calcio ma persona dai valori importanti, un amico con la A maiuscola.

Dopo una piccola pausa, sono ritornati al Selis, con il mister storico della categoria Andrea Bianchi, burbero uomo dal cuore d’oro, allenatore ed educatore tra i migliori della categoria in Italia.

Sono ritornati con un dirigente accompagnatore giovane e dai modi gentili, quel tipo di persona che piace a noi, un ragazzo preparato come pochi e che non ha tardato a farsi voler bene da tutti noi.

Ora Alessio Vernazza, ma non poteva essere altrimenti, con Sbravati è la punta di diamante di un settore giovanile in grande ascesa; è facile pronosticare per lui un grande avvenire all’ombra della lanterna. Alessio, un ragazzo d’oro a cui non puoi non voler bene.

Da Pinna a Vernazza passando per Sbravati, sono certo che ci scuserete la trasgressione per presentare una delle 16 professioniste partecipanti alla 21° edizioni del Selis.

Il logo del grifone profuma di storia e le persone, che allora come oggi lo rappresentano, profumano di grandi valori umani, gli stessi su cui abbiamo investito vent’anni del nostro essere sardi.

21th World Tournament  ” Manlio Selis ”  – Trofeo Le Coq Sportif

31 Maggio – 4 Giugno 2017 – Il Genoa, ancora una volta, c’è!

Categorie: Comunicati Stampa|Tag:|

Il Kashima Antlers al 21th World Tournament “Manlio Selis”

Quando decidemmo vent’anni fa’, pochi mesi dopo la sua scomparsa, di ricordare la figura di Manlio Selis, dedicandogli un triangolare di calcio giovanile, all’interno dell’allora Torneo Alfio Mazza, molti di noi, ragazzini o meno, erano affascinati dai cartoni di Holly e Benji. Partite infinite su campi giganteschi, con Holly che sfondava qualsiasi rete gli si presentava davanti e Benji che parava di tutto e di più, anche con l’aiuto del solo cappellino. Era quello il Giappone per noi, era il calcio di un cartone animato, distante 10 mila chilometri dalla nostra isola. Quando abbiamo iniziato con il primo triangolare, nel giugno del 1997, con tre squadre galluresi partecipanti, avevamo nel cassetto un sogno, far diventare quel triangolare un torneo importante, perlomeno in Sardegna, un torneo che annoverasse, magari in un tempo non molto lontano, “qualche” squadra professionista.
Dopo vent’anni quel triangolare è diventato prima il torneo di calcio giovanile, riservato alla categoria Under 13, più importante in Sardegna, poi quello più importante in Italia e con l’arrivo delle più importanti società estere, tra i più importanti in Europa.
Walt Disney diceva ” se puoi sognarlo puoi farlo ” e dal momento che il grande sogno nascosto era portare il nome di Manlio Selis aldilà del vecchio continente, per far diventare quell’anonimo triangolare di vent’anni fa, un TORNEO MONDIALE, ci siamo ricordati di Holly e Benji.
Portiamo il nome della Sardegna e le sue straordinarie bellezze nel Sol Levante; il Kashima Antlers, tra le primissime squadre della serie A giapponese, probabilmente, visto l’altissimo tasso tecnico delle squadre partecipanti, non vincerà la 21° edizione del ” Manlio Selis “.

Ma oltre ad una squadra comunque altamente competitiva, siamo certi che il Kashima ci farà vivere, a noi, un’esperienza indimenticabile, un’esperienza di vita e di intendere il calcio, specie quello giovanile, che da noi è ancora di la da venire.
48 squadre, 960 ragazzi di 12 e 13 anni, squadre sarde, italiane,
europee, extraeuropee, provenienti da diversi continenti.

21th World Tournament “Manlio Selis” –  Trofeo Le Coq Sportif
31 Maggio – 4 Giugno 2017 – il Kashima Antlers c’è !

第21回世界大会「マンリオSelis”サルデーニャカップ
5月31日2017年6月4へ – 鹿島アントラーズあり!

 

 

 

La Nazionale dell’Irlanda del Nord al 21th World Tournament “Manlio Selis”

E’ una delle quattro Home Nations, le federazioni storiche del calcio britannico e mondiale; insieme alle federazioni inglese, gallese e scozzese codificò nel 1882 le regole del gioco del calcio.

Nata nel 1880, quarta federazione del Regno Unito in ordine di tempo a costituirsi, e anche la quarta federazione calcistica più antica del mondo.

Abbiamo avuto il piacere di ospitare in venti edizioni, le più importanti società calcistiche italiane ed europee.

Ma mai eravamo stati contattati da alcuna Federazione, per poter ospitare una nazionale al Manlio Selis.

E’ un grandissimo onore e motivo di grande orgoglio, essere stati scelti da una delle più antiche e prestigiose federazioni al mondo e preferiti a tanti importanti tornei in Europa e nel mondo.

Partiti dalla Sardegna, passando per il Continente, raggiungendo attraverso l’Europa il Giappone, siamo tornati indietro atterrando prima in Svezia ed ora nella terra che ha dato i natali a George Best, che ha fatto indossare la prestigiosa maglia verde a George Best, che ha reso immortale George Best.

Se per la prima volta nazionale doveva essere, non potevamo desiderare di meglio.

Portiamo aldilà del Regno Unito la storia di una manifestazione che non finisce di stupire e con essa la magia di una terra senza tempo.

21th World Tournament  “Manlio Selis”  – Trofeo Le Coq Sportif

31 Maggio – 4 Giugno 2017

La Nazionale dell’Irlanda del Nord c’è !

La Juventus al 21th World Tournament “Manlio Selis”

“Perché la Juventus, dopo già un secolo di storia, è diventata una leggenda. Una leggenda che è sorta in un liceo di Torino e che ha finito per conquistare nove, dieci milioni di tifosi in Italia e, certo, altrettanti all’estero con un nome, una maglia e dei colori conosciuti in tutto il mondo”.

Gianni Agnelli

E’ la più amata dagli italiani e non solo, è la squadra campione d’Italia, è la squadra che in Italia ha vinto più di tutte, è la Vecchia Signora, è la squadra che tutti vorrebbero incontrare perche quelle maglie profumano di mito.

Ritorna ancora una volta in Sardegna, per cercare di bissare il successo del lontano 1998, quando il torneo principale portava ancora il nome di Alfio Mazza.

Dal 1897 non esiste alcun risultato che la vittoria finale, la stessa che cercheranno di portare a casa gli esordienti di Alessandro Spugna. Il mister bianconero, tra i migliori allenatori della categoria in Italia, nonostante le lusinghe dei più importanti club europei, è rimasto a Vinovo per far fare il salto di qualità ad un gruppo di cui si dice un gran bene. Il ” Manlio Selis ” conosce bene Spugna e Spugna conosce bene il ” Manlio Selis ” avendolo vinto nel 2009 sulla panchina del Torino ed avendo sfiorato il bis nel 2015, perdendo la finale proprio contro i cugini granata.

Sarà ovviamente una delle squadre da battere, per la felicità dei tantissimi tifosi bianconeri della Sardegna.

21th World Tournament  “Manlio Selis”  – Trofeo Le Coq Sportif

31 Maggio – 4 Giugno 2017 – la Juventus c’è!

Categorie: Comunicati Stampa|Tag:|

Il Malmoe F.C. al 21th World Tournament “Manlio Selis”

Vincitrice di 19 campionati svedesi, 14 Coppe di Svezia e 2 Supercoppe di Svezia, non è più solamente la squadra dove ha iniziato la folgorante carriera di Zlatan Ibrahimovic ma è sopratutto la più importante società svedese.
Ritorna per il terzo anno consecutivo al ” Selis “, con l’entusiasmo che ha sempre contraddistinto la comitiva scandindinava.
Accompagnati dal solito nutrito gruppo di genitori ed amici, arrivano in Sardegna con le stimmate della squadra ” mina vagante “, monito per tutte quelle compagini che ambiscono alla vittoria finale. 
Venderanno cara la pelle, e come da tre anni a questa parte, metteranno sicuramente in mostra qualche talento di cui sentiremo presto parlare.
Il volo del ” Manlio Selis ” atterra nei Mari del Nord, direttamente dal Giappone, ed esporta anche in Svezia il marchio inimitabile di un’isola dal fascino senza tempo.

21th World Tournament  “Manlio Selis”  – Trofeo Le Coq Sportif
31 Maggio – 4 Giugno 2017 , il Malmoe F.C. c’è!

 

Categorie: Comunicati Stampa|Tag:, |

Il Torino 21th World Tournament “Manlio Selis”

E’ la squadra che più di tutte, ben quattro edizioni, è salita sul gradino più alto del podio.

Tornano per il 10° anno consecutivo in Sardegna, per cancellare un ultima edizione non proprio esaltante.
Ermanno De Maria, ritorna in Gallura, dopo l’exploit di due vittorie su due, nessun allenatore ha saputo far meglio.
La ” cantera ” di Silvano Benedetti non ha bisogno di grandi presentazioni, essendo da sempre tra i primi tre migliori settori giovanili italiani. Una miriade di ragazzi di belle speranze diventati poi protagonisti, in Italia ed in Europa, l’ultimo quell’Antonio Barreca titolare inamovibile dell’11 di Sinisa Mihajlovic e dell’Under 21 di Gigi Di Biagio.
Molti di noi lo ricordano ancora grande protagonista nel sintetico del Geovillage, nell’edizione numero 12, nel maggio del 2008.
Il vecchio cuore granata ritorna al più importante torneo italiano della categoria e lo fa con un solo obbiettivo, portare a cinque le prestigiose vittorie in terra sarda.

21th World Tournament  “Manlio Selis”  – Trofeo Le Coq Sportif

 31 Maggio – 4 Giugno 2017
il Torino F.C. c’è !

 

Categorie: Comunicati Stampa|Tag:|

Il Milan al 21° World Tournament “Manlio Selis”

Saremo una squadra di diavoli. I nostri colori saranno il rosso come il fuoco e il nero come la paura che incuteremo agli avversari!

Herbert Kilpin, fondatore del Milan Footbal and Cricket Club

È la terza squadra al mondo per numero di titoli internazionali conquistati, ben 18.

18 Scudetti, 5 Coppe Italia, 7 Supercoppe italiane, 7 Coppe dei Campioni/Champions League, 2 Coppe delle Coppe, 5 Supercoppe Uefa, 3 Coppe Intercontinentali,

1 Coppe del mondo per club; nessuna squadra italiana ha vinto tanto in Italia e nel mondo.

Da alcuni anni il settore giovanile ha riiniziato a sfornare talenti di sicuro valore mondiale: Donnarumma, Locatelli, Calabria.

Schiera nelle sue fila, titolare inamovibile ed ora pedina fissa in nazionale, Alessio Romagnoli, nella foto capitano della Roma al ” Manlio Selis ” del 2009 allo stadio Nespoli di Olbia.

Davide Calabria, che vanta già parecchie gare in Serie A, è nella foto al “Limbara ” di Luras, al Manlio Selis del 2009.

Chi sarà il prossimo talento che prima passerà da noi, per poi volare verso l’olimpo del calcio?

Arriva in Sardegna con un solo, unico obiettivo, riportare a Milano il trofeo della prima classificata.

21° World Tournament ” Manlio Selis ” Sardegna Cup

31 May – 4 June 2017 – Il Milan A.C. c’è !

Categorie: Comunicati Stampa||

Il Chertanovo Mosca al 21° World Tournement “Manlio Selis”

Riprendiamo il volo per raggiungere, dopo il Giappone, la Svezia, l’Irlanda e la Danimarca, la Russia. Conosciuta come la scuola più prolifica dell’Europa dell’Est, l’Accademia Chertanovo, oltre ad avere la propria squadra nella massima serie moscovita, raggruppa i 100 migliori talenti dell’intera Repubblica sovietica. Totalmente finanziata dallo stato, fornisce alle varie rappresentative nazionali il maggior numero di giocatori; la Nazionale Russa annovera tutt’oggi ben nove elementi provenienti dal campus fuori Mosca del Chertanovo.

Spesso presente nei maggiori tornei giovanili europei, raramente non raggiunge le prime quattro posizioni e spesso porta a casa il trofeo della prima classificata. A farne le spese anche le squadre spagnole, Real e Barcellona in testa, le squadre Under 13 più quotate del continente europeo.

E’ facile pronosticare l’Under 13 moscovita come la squadra rivelazione del prossimo Selis e come una delle più accreditate alla vittoria finale.

21° World Tournement “Manlio Selis”

31 May – 4 June 2017 – Il Chertanovo Mosca c’è !

Categorie: Comunicati Stampa||

L’arbitro della finale

Sarà Gianluca Manganiello a dare il fischio d’inizio della finalissima, che si svolgerà il 2 Giugno alle ore 18.00, allo stadio comunale di Olbia (NESPOLI).

 

Gianluca nasce a Pinerolo (in provincia di Torino) il 28 novembre 1981, di professione Analista Funzionale, lavora a Torino in una società di Corporate Perfomance Management. Il rapporto scuola-campo di calcio è naturalmente fondamentale per segnare l’inizio dell’attività arbitrale. Manganiello gioca a calcio in una squadra locale a Pinerolo fino alla categoria allievi, poi smette ed i colloqui a scuola con amici già arbitri fanno scattare la scintilla. Era l’autunno del 1996 e parte il percorso nel pianeta Aia.
A febbraio del 1997 primi fischi nella categoria Giovanissimi (Luserna – San Secondo 3-1) con il rituale canonico percorso che porta all’esordio in promozione il 6 ottobre 2002. Olympic Collegno – Valli Monregalesi (3-1) è la gara di debutto mentre nel campionato successivo (il 6 novembre 2003) si registra l’esordio in Eccellenza nella partita Pool CirièVauda – Valdossola (3-0)

Oggi, dopo diciassette anni di tessera, è anche doveroso guardarsi indietro ed esprimere un ringraziamento speciale ai genitori che hanno sostenuto la passione di Gianluca con grande pazienza e senso pratico delle cose. Papà Cataldo ha seguito il figlio in lungo ed in largo nella regione, mamma Tina avrà lavato 1000 borsoni con annessi e connessi. Insomma, la famiglia primo sponsor di un figlio arbitro.

Tanti i ricordi positivi nella mente di Gianluca : “Ogni paesino, paese, città visitati e tutti i campi di gioco, la curiosità per gli impianti sportivi ed il profumo dell’erba sono ancora vivi ogni domenica”. Non ci sono cattivi ricordi perché da ogni esperienza si impara qualcosa : “Per la crescita è fondamentale aver vissuto situazioni ‘scomode’”.

Gianluca Manganiello è arrivato in CAN B, dopo due stagioni in LEGA PRO, tre stagioni in CAN D e un solo anno di CAI.

UNA STAGIONE ALLA CAI

Il suo debutto nelle Commissione Nazionale Cai avviene l’8 ottobre 2006 per registrare un pareggio a reti bianche nella gara Allievi tra Juventus e Genoa. La settimana successiva gara in promozione nello stesso Piemonte (Montelupo – Labrone 1-1) con debutto fuori regione il successivo 15 novembre 2006 in Lombardia nella gara di Eccellenza Verbano – Brembio (1-5). Quella stagione si chiude in Sardegna con lo spareggio per la promozione in Eccellenza tra Budoni e Torgiano il 19 giugno 2008 (vincono gli umbri 1-0). L’archivio della stagione di Gianluca comprende 16 gare (undici in Eccellenza, due in Promozione ed Allievi ed una in Femminile), ma è sicuramente lacunoso. Lo score fatto registrare in queste sedici partite è di 7 segni 1 (43,75%), 4 segni X (25,00%) e 5 segni 2 (31,25%) con trenta segnature messe a referto, equamente divise tra squadre di casa e viaggianti ed una media gol di 1,875 a partita.

ESORDIO IN CAN D

Avviene nella stagione successiva : il 9 settembre 2007 nella 2a giornata del girone G. Pirotecnico pareggio 2-2 in Sardegna tra Tavolara ed Ostia Mare con sei cartellini gialli di cui quattro ai laziali. La terna di quella gara era completata da Alessandro Marras da Oristano (dismesso a domanda dopo tre stagioni in Can D e 39 partite di cui 4 in Coppa Italia) e Marco Balzano da Cagliari (che riesce a conquistare la Lega Pro).

LEGA PRO

Anche qui un record per Gianluca: dopo la cavalcata vincente che l’anno precedente l’ha gratificato con la promozione dalla Can D alla Can Pro, ha iniziato positivamente la stagione, dirigendo diverse gare di Coppa Italia e mettendosi in luce nelle gare di campionato in cui è stato impegnato. Infatti, dopo solamente tre apparizioni in seconda divisione, è stato chiamato a dirigere una gara della categoria superiore: Domenica 10 Ottobre 2010 esordisce nel campionato di 1^ divisione Lega Pro, nella gara Bassano Virtus – Lumezzane. Un risultato di assoluto prestigio, quasi un record per la categoria: l’unico nella storia dell’AIA che riuscì nell’impresa di esordire dopo una sola gara in seconda divisione è Stefano Farina. Un traguardo di cui la Sezione di Pinerolo è molto orgogliosa, sia per le qualità che ancora una volta ha dimostrato Gianluca, sia perché è un’espressione della bontà del lavoro svolto “alla base”. Guardando le statistiche Gianluca appare arbitro tutto d’un pezzo: Nella prima stagione in LEGA PRO ha dispensato tanti cartellini, sia rossi che gialli, e ha decretato ben 12 calci di rigore in 27 gare. Gianluca viene promosso in Can B dopo una stagione perfetta, con 27 partite arbitrate, tra cui le delicatissime finali play-off Sorrento-Carpi e Chieti-Paganese.

CAN B

Per la prima giornata del campionato della serie Bwin stagione 2012/2013 Gianluca è stato designato ad arbitrare l’incontro Bari – Cittadella. Una data che tutti aspettavamo e, in cuor nostro, eravamo sicuri che sarebbe arrivata.

Gianluca nel suo primo anno in CAN B dirige 18 gare con 84 ammonizioni, 7 espulsioni e decretando 4 calci di rigore. Nell’attuale stagione ha diretto 15 gare di serie B.

CAN A

La data che Gianluca si ricorderà per tutta la vita:

DOMENICA 18 MAGGIO 2014

CHIEVO – INTER

Dopo diciassette anni dal suo esordio assoluto riesce a realizzare il sogno di chiunque inizi ad arbitrare con ambizione: l’esordio nella massima categoria nazionale. Un traguardo che all’inizio sembra impossibile, un cammino difficile, pieno di insidie ma ricco di soddisfazioni. Un traguardo così difficile che pochi riescono a raggiungere: Gianluca é il primo associato di Pinerolo a raggiungere (come arbitro) i campi della Serie A.

 

Categorie: Comunicati Stampa||