La comunicazione ufficiale è arrivata dalla direzione dell’Aia – Figc. Sarà uno dei migliori arbitri emergenti nel panorama nazionale a dirigere la finale del 21° Torneo mondiale “Manlio Selis”.

Antonio Giua, direttore di gara della sezione AIA di Olbia, nato e cresciuto a Calangianus, classe 1988, una laurea in ingegneria gestionale conseguita a Pisa, è considerato dagli addetti ai lavori uno dei migliori fischietti italiani tanto da ricevere da Marcello Nicchi, capo degli arbitri italiani di calcio, un’investitura ufficiale e una previsione: «tra due anni arbitrerà in serie A».

La sua carriera è cominciata in Gallura arbitrando le partite dei giovanissimi provinciali; poi la scalata arrivando Lega Pro (serie C).

Nel campionato Primavera ha diretto la più importante gara del settore giovanile, la finale di Supercoppa fra Roma e Inter, all’Olimpico davanti a 10.000 spettatori, ottenendo giudizi più che lusinghieri.

Giua ha all’attivo 2 presenze in Coppa Italia di Lega Pro, 2 in Coppa Italia, 19 in Lega Pro girone A, 11 in Lega Pro girone B, 23 in Lega Pro girone C, 20 nel campionato Primavera girone A, 6 nel campionato Primavera gironeB, 5 nel campionato Primavera girone C, 6 presenze al Torneo di Viareggio.

Per il Torneo “Manlio Selis” prosegue la tradizione dei più importanti fischietti italiani all’evento conclusivo. Maggiore è l’orgoglio potendo contare su un direttore di gara nato e cresciuto in Sardegna, a pochi passi da dove si svolgerà l’atto conclusivo, l’attesissima  finale del 4 giugno a Luras. In bocca al lupo all’arbitro Giua e un ringraziamento all’Associazione Italiana Arbitri, sempre vicina al Torneo Selis.